31/12/14

BUON ANNO 2015 OVUNQUE VOI SIATE



Quest'anno il mio blog ha festeggiato 5 anni. Quando l'ho aperto in dicembre del 2009 non avrei mai pensato di durare così a lungo perchè non immaginavo lontanamente che avrei avuto nonostante i temi svolti un pò anomali nell'ambito dei blog, il mio piccolo successo. Questo lo devo a voi carissimi amici che mi avete dato la carica di adrenalina giusta e lo stimolo a continuare.
Ho incontrato in quest'anno nuovi amici e con alcuni abbiamo instaurato un piacevole contatto sia attraverso messaggi che su Face perchè se che usato in maniera corretta ed onesta è un punto di contatto molto vasto e positivo.
Molte cose sono avvenute quest'anno come d'altra parte in ogni anno, gioie, dolori, matrimoni, nascite, ecc. ed anche molte difficoltà dovuto a quanto accade nel nostro Paese ed ognuno di noi cerca di superare le difficoltà al meglio possibile. Certo le persone anziane e sole con magre possibilità di sostentamente, disoccupati, poveri già prima ancora di più ora, cercano di sopravvivere pensando al domani perchè in fondo ciò che a ciascuno di noi serve è la speranza del Domani che forse ci porterà quel certo qualcosa che ci farà sorridere un pò alla vita.
Comunque, vi assicuro per esperienza personale, che per quanto brutta possa essere (io la conosco la povertà nel vero senso della parola sin da piccola essendo nata in un periodo molto difficile), la speranza ed il lottare per il domani non mi è mai mancato. Vi assicuro che si deve guardare avanti perchè qualcosa sempre si apre ed appare e mai guardarsi indietro perchè è difficile che quel certo qualcosa rimanga aperto perchè ormai è "passato".. Bisogna andare avanti, sempre.
Bando alle mie  "ciance" carissimi amici,  auguro

BUON ANNO 2015


a tutti voi, alle vostre famiglie, agli amici, ai vostri cari ovunque voi siate. Un abbraccio a tutti di cuore ed un augurio che l'anno nuovo vi porti in primis tanta salute e che i vostri desideri si possano avverare per voi e per tutti i vostri cari. 
Vi lascio altrimenti finisce che mi commuovo e ci rivedimo ....l'anno prossimo, con maggior energia e voglia di fare e se ve lo dice una 71enne lo potrete fare voi che siete giovanissime/i.

Un abbraccio ancora e ancora un GRAZIE a tutti voi e un brindisi a TUTTI





29/12/14

Consigli utili: Bellezza ....."L'arancia per detergere il viso"

Prima di tutto perdonatemi se ho saltato il solito Intermezzo Domenicale, ma purtroppo dove ho la base del computer ovvero in mansarda faceva un freddo infernale a causa di un blocco del riscaldamento centralizzato. Al piano di sotto dove si vive, per fortuna che ho un condizionatore "inverter" per caldo e freddo che ci ha salvati dal dover andare in un albergo fino a riparazione conclusa. Purtroppo, è stato come si dice il 26 hanno messo a posto "alla belle e meglio" e speriamo che sia definitivo con lunedi 29 per non rischiare un capodanno gelato visto che siamo già a 4 gradi con una bora (nostro vento) fortissima.

Ho pensato che dopo tanto tempo passato in cucina e tutte le prelibatezze che avrete preparato e anche...mangiato, mettere una ricetta almeno per sarebbe stato troppo quindi, rimandiamola,  ed ecco a voi un consiglio utile visto che l'arancia è ora al massimo.





I consigli sono tratti da questo libriccino, come spiegato nel mio primo post di 
Consigli utili e questo è il link 


Questa volta siamo di nuovo nel campo della Bellezza per parlare dell'arancia che addizionata ad altri componenti ci fornisce una maschera naturale per le impurità e cellule morte del nostro viso.
L'arancia come sicuramente saprete oltre ad essere buona spremuta o mangiata a spicchi oppure parte integrante di qualche ottima insalata o perchè no la famosa "anitra all'arancia" è uno dei più importanti prodotti naturali per la cura del viso.
Ha notevoli proprietà tonificanti e la vitamica "C" e l'acido citrico sono in grado di ripristinare il collagene, rassodare la pelle e prevenire o contrastare l'invecchiamento.
Da tenere conto anche che l'acido citrico aiuta a ridurre le rughe e rende la pelle morbida donandole un aspetto giovanile. E' inoltre idratante e esfogliante alle stesso tempo perchè può eliminare le cellule morte della pelle, purificare i pori e prevenire l'acne.
Un articolo su tutte le proprieta dell'arancia da WIKI come pure questa immagine


Histoire et culture des orangers A. Risso et A. Poiteau. -- Paris Henri Plon, Editeur, 1872.jpg 

Si usa la buccia dell'arancia che va pulita con il sale ed acqua per togliere tutti i germi e poi bisogna frullarla per creare una pasta densa. A questa va aggiunto 1 cucchiaio di yougurt, qualche goccia di limone ed 1 cucchiaino di miele.
Il viso va lavato bene togliendo qualsiasi traccia di trucco ed il composto ben amalgamato va stesso sulla pelle lasciando libera la zona orbicolare. Si tiene la maschera per 1 ora e poi si toglie non l'acqua fredda e pulita ed asciugata stenderete un velo della vostra crema per evitare che la pelle si secchi ovvero per reidratarla non con creme troppo grasse ma idratanti.
La maschera rimuove le impurità della pelle e dona una bellissima sensazione di freschezza.

Vi riepilogo l'occorrente

- la buccia di un arancia meglio se non trattata
- sale e acqua per pulirla molto bene
- 1 cucchiaio di yougurt non ha importanza se completo o magro
- 1 cucchiaino di miele 


Resta  inteso che il consiglio è valido se non avete altri seri problemi della pelle ma sana e perfetta.

Spero vi sia utile e auguro a tutti buona giornata.


 Questa NON E' un indicazione medica e NON sostituisce in alcun modo il parere di un MEDICO alla quale ci si deve rivolgere in ogni caso e sempre. 


Se volete rivedere gli altri consigli clic  QUI






Mi permetto anvcora una volta di riproporre questa NOTA
Questa nota la riproporrò più volte perchè qualcuno mi ha fatto presente che i caratteri del post sono di difficile lettura. Purtroppo non dipende solo da me ma da come è stato impostato lo schermo/caratteri  in base anche al sistema operativo usato ed al tipo del computer (Mac, assemblato ecc.).
Un  trucchetto per ingrandire i caratteri e/o diminuire e poi comunque tornare a quanto impostato qualunque computer è in grado di eseguire,  non servono programma o modifiche.
Basta tenere sulla tastiera

Ctrl + girare rotellina mouse
il tasto Ctrl - a sinistra della stessa in basso, girare la rotellina in contemporanea  in un senso o nell'altro per ingrandire o rimpicciolire

In questo modo non avrete difficoltà a leggere nessuna pagina che aprirete nel web sia la mia come la vostra o quella di qualunque altro sito.
Sono certa che molti di voi conoscono questo trucchetto ma forse qualcuno non lo sa o non si ricorda e spero di esservi stata utile.

25/12/14

BUON NATALE - OVUNQUE VOI SIATE




Buon Natale a tutti voi carissimi amici che passata di qua, alle vostre famiglie, agli amici vicini e lontani e comunque ovunque voi siate nel Mondo.
E' una Ricorrenza che quando inizia il mese di dicembre sembra ancora tanto lontano mentre arriva in un "nano secondo". Forse perchè dicembre chiude l'anno e tantissime cosa si accavallano e devo inderogabilmente essere fatte.
E' un mese che a me piace in modo particolare perchè la città si illunina e fa allegria sopra tutto in un periodo difficile come l'attuale e come anche nell'altro.... Le luci ed il pensiero di incontrare amici, di essere in famiglia e di pensare ognuno con le proprie possibilità a piccoli doni per far piacere ai famigliari stretti, ai bambini ma anche agli amici.
Ormai di parenti stretti non ne abbiamo più sono tutti come dico io "passati a miglior vita" ma sempre vivi nei nostri cuori. Certo ho la famiglia di mia figlia ma in fondo loro sono giovani e quindi è giusto che lo trascorrano con i loro amici anche se comunque sono e saranno una presenza costante il giorno di Natale per la nostra CENA di Natale con come sempre finale di "tombola" richiesta da mio nipote nonosta ormai i suoi 16 anni compiuti con un altezza di 180 cm...io mi sento piccolina.

Il Menù di questa sera sarà, sempre cose sfiziose come richieste....
Panna cotta salata con caramello di melograno, gorgonzola ecc. e Crock di farina di ceci e fioretto al posto del cucchiaio
Tagliatelle al vino con sugo di ricotta, noci ....
Polpette di trippa e non solo con Salsa allo zenzero molto piccante
Semifreddo in coppa di cioccolato bianco e......

Ovviamente se non mi porteranno via dalle mani i piatti spero di fare foto, non vi prometto belle ma almeno ci provo e naturalmente le relative ricette.

Uno splendido video-show dell'anno scorso avvenuto al Rockefeller Center di New York ma vi posso mettere solo il link in quanto il codice è stato disattivato ma merita ascoltare è bellissimo con un sacco di canzoni. Questo è il    Link a YouTube

Vi metto un altro video molto bello Christmas a New York che propone oltre alle musiche una bella carrellata di immagini sulla City molto illuminata




Tanti tanti auguri ancora di Buon Natale, passate bene queste prime feste a risentirci subito dopo... devo pur lavare i piatti e riposarmi un giorno... come Babbo Natale ....




Un abbraccio e Buona Festa per S.Stefano, mi raccomando...dieta !!!!! 


23/12/14

NATALE 2014, ricordi del passato ma sempre meravigliosamente attuali

Come saprete ormai il mio blog ha 5 anni e quindi in questi anni trascorsi di Natali ci sono stati 4 e questo sarebbe il 5°. Del Natale e di cose legate a questa festività ne ho scritte parecchie iniziando un pò prima delle Feste e quindi trovare delle cose nuove per una ricorrenza che si perde nella notte dei tempi è un impresa ardua.
Ho pensato quindi di riproporvi alcuni post per me molto significativi che sono di tempo addietro ma forse anche già riproposto, ma penso sempre nuovo per chi non è passato da me.
Li ho messi nell'ordine d'importanza per me e che fanno parte della mia infanzia.
La prima canzone di Natale "Silent Night Holy Night" chi non la ricorda cantata dalla splendida voce di Bing Crosby ed io piccolissima la cantavo sempre in lingua originale. Ricordare come è nata è interessante forse non tutti la conoscono.
La seconda canzone per l'albero di Natale è anche della mia infanzia e come la precedente ogni anno per anni l'ho sempre cantata accompagnata dal piano ed alle volte da una fisarmonica.
Metterò le foto con il link e le prime righe del post in modo che possiate vedere ed avere un idea di cosa trattasi e decidere se andare a vedere o meno....
La terza canzone è un interpretazione mangnifica di un inno a "LEI" nata da un uomo che nella vita è stato molto cattivo e la sua storia è veramente unica.
Il quarto è un dolce, particolare che nasce a Dresda. Una volta sconosciuto ora il web ne è pieno con varie interpretazioni. Il mio è originale da parte di un amica che vive li ma anche di mia cognata nativa di Dresda. Provatelo è fantastico e si conserva molto bene.




 (St.Thomas Choir  - QUI il link a YouTube)

Chi non conosce forse la più famosa e anche antica canzoni di Natale tradotta in ben più   Personalmente io la conosco dall'infanzia. La nonna ungherese che parlava il tedesco ed ovviamente la sua lingua me la cantava sempre. Dove ho vissuti nei primi anni della mia vita, una comunità che oggi si potrebbe definire multietnica anche se proveniva solo dall'Europa, la si cantava tutti assieme alla Vigilia di Natale ed ognuno cantandola si perdeva nei ricordi della loro terra che hanno dovuto lasciare ma con la speranza di ritornarci in un prossimo futuro. Ognuno la cantava nella sua lingua non ci si accorgeva perchè le voci erano sommesse una piccola torre di Babele in cui tutti si capivano.
(per continuare a leggere clic sul titolo....) 


L'Abete - l'albero di Natale - O'Tannenbaum..la canzone


(vi metto la canzone cantati dai piccoli ma sul post avete quello in lingua originale
 e QUI il link a YouTube)

Le origini dell'albero di Natale sono molto varie e contrastanti. Articoli in merito si trovano moltissimi sul web ed anche Wikipedia dice ovviamente la sua. Tutto si è perso quasi quasi...nei meandri della leggenda.... nulla è certo e comprovato.
La storia che ho trovato è quella che viene proposta più volte e ve ne do un assaggio...
(per continuare a leggere clic sul titolo ) 





(vi metto la splendida interpretazione dei Il Divo - è bellissima e struggente ma vi do anche il LINK  per andare direttamente su YiuTube) 


Avevo preparato questo post l'anno scorso per Natale e poi è sparito !!!!! Non so cosa sia successo ma mi sono talmente incavolata che non ho voluto riscriverlo.
A distanza di un anno siamo di nuovo verso il periodo di Natale e mi sono decisa,  questa storia è troppo bella e sinceramente voglio condividerla con voi. Spero che la troviate non solo bella, ma affascinante per la storia, l'inno diventato una canzone, l'interpretazione fanstastica di questi cantori e.........tanto altro. La storia è molto lunga e tutta molto importante per il contesto nella quale è cresciuto e vissuto l'autore di questo inno. Quindi ho deciso di iniziare facendovi ascoltare questo inno cantato.......                ( per continuare a leggere clic sul titolo )



(questo è il mio "Stollen" l'ho fatto in questi giorni si mangia a Natale, fa foto del 2010 era stato preso dal web non mi ero ancora cimentata )

Natale, la festa che prediligo in assoluto. Le luci della città, l'abete scintillante, i presepi, le vetrine luccicanti e pieni di cose....non il caos per la corsa al regalo, ma la vivacità creata dall'atmosfera che vi regna. Periodo per i golosi: cioccolata, torrone, croccanti ecc. che si acquistano per piccoli e grandi nei vari Mercatini di Natale. Premetto, non sono amante dei dolci ma un marzapane o un pezzo di torrone/mandorlato lo mangio volentieri. C'è un dolce che vorrei dividere con voi, si chiama "Stollen". E' un dolce di origine germanica, esistono anche delle versioni austriache ma quella che vi propongo mi è stata data da una mia carissima amica che vive a Dresda paese dello Stollen. Molte sono le versioni che potrete trovare con google, diverse si ma simili tra loro. Non ho foto personali del dolce ma ne ho trovata una su wiki. 
(per continuare a leggere clic sul titolo)


Voglio chiudere questo post con l'immagine del mio albero di Natale che è tutto d'argento con le luci blù e bianche, Peccato che come foto non è granchè e voi direte perchè lo faccio vedere....perchè e mio l'ho addobato con tanto amore.




Un abbraccio a tutti buona anti, domani 24 vi leggo soltanto perchè anch'io sono come si dice di "di corvè in cucina" devo preparare per noi due la nostra cena con bollicine della Vigilia e per il 25 che ho a cena la banda figlia - nipote e genero che tornano dalla settimama bianca.

Ci risentiremo quindi dopo Natale anche se il post del 25 l'ho già preparato e programmato per quel giorno.

Ciaooooo


22/12/14

L'è 'l pan del Toni». - il "pane di Toni", ossia il "PANETTONE ".

Il panettone, in lombardo panaton o panatton (pronuncia fonetica IPA (International Phonetic Alphabet) : pana'ton o pana'tun,  è un tipico dolce milanese, associato alle tradizioni gastronomiche del Natale e ampiamente diffuso in tutta Italia. Il panettone tradizionale lombardo è notoriamente quello basso, il piemontese è notoriamente alto ed ora è stato presentato anche quello siciliano alla TV.


In questo contesto si parla anche del "pandoro" che ha basi ottagonali o a sezione a forma di stella. Il  panettone è ottenuto da un impasto lievitato a base di acqua, farina, burro, tuorlo d'uovo con l'aggiunta di frutta candita, scorzette di arancio e cedro in parti uguali e uvetta denominato e diventa cosi  ... panetton candìo.  (Ora ci sono panettoni senza canditi con la sola uvetta o anche senza alcuna aggiunta).
Fino alla fine del 1900 erano moltissimi a Milano i fornai e pasticceri che lo producevano ma oggi però le grandi ditte industriali di panettoni sono dislocate in tutta Italia, mentre a Milano rimangono  ancora tanti artigiani che lo producono sempre secondo la ricetta tradizionale.
Ad ogni modo dal 2005 il panettone dolce tipico Italiano è tutelato da una disciplinare che ne specifica ingredienti e le percentuali minime per poter essere definito tale.




 foto da Wiki

Ma vi siete mai chieste da dove deriva il nome "PANETTONE"  ?????
Esistono tante leggende in merito ma due sole sono quelle con maggior credito.
Mentre la prima la potete leggere cliccando sul link suindicato che vi porta a Wiki, la seconda ve la riporto io, è quella che mi piace di più,  sempre da Wiki.

"""
Un cuoco al servizio della corte di Ludovico il Moro fu incaricato di preparare un suntuoso pranzo di Natale a cui erano stati invitati nobili del circondario, ma il dolce, dimenticato nel forno, quasi si carbonizzò.
Vista la disperazione del cuoco, TONI, un piccolo sguattero, propose una soluzione: 
«Con quanto rimasto in dispensa - un po' di farina, burro, uova, della scorza di cedro e qualche uvetta – stamane ho cucinato questo dolce. Se non avete altro, potete portarlo in tavola.» 
Il cuoco acconsentì e, tremante, si mise dietro una tenda a spiare la reazione degli ospiti.
Tutti furono entusiasti e al duca, che voleva conoscere il nome di quella prelibatezza, il cuoco rivelò il segreto:  «L'è 'l pan del Toni». 
Da allora è il "pane di Toni", ossia il "panettone". 

Leggende nel web ci sono tante basta cercare "pan de toni e trovate di tutto e di più.
Io vi ho riportato quella, come dicevo, che piace a me ed ha anche molti crediti, a voi trovarne altre.

Io so che molti di voi conoscono da dove si dice provenga il nome il nome "panettone", ma per chi non la ricorda ...... per poterla raccontare ai nipotui o amici mentre lo stanno gustando magari uno super fatto da voi stesse.
Vi rimetto il link di inizio pagina  WIKI.

Buona giornata.
Ciaoooo




NOTA
Questa nota la riproporrò più volte perchè qualcuno mi ha fatto presente che i caratteri del post sono di difficile lettura. Purtroppo non dipende solo da me ma da come è stato impostato lo schermo/caratteri  in base anche al sistema operativo usato ed al tipo del computer (Mac, assemblato ecc.).
Un  trucchetto per ingrandire i caratteri e/o diminuire e poi comunque tornare a quanto impostato qualunque computer è in grado di eseguire,  non servono programma o modifiche.
Basta tenere sulla tastiera


Ctrl + girare rotellina mouse
il tasto Ctrl - a sinistra della stessa in basso, girare la rotellina in contemporanea  in un senso o nell'altro per ingrandire o rimpicciolire

In questo modo non avrete difficoltà a leggere nessuna pagina che aprirete nel web sia la mia come la vostra o quella di qualunque altro sito.
Sono certa che molti di voi conoscono questo trucchetto ma forse qualcuno non lo sa o non si ricorda e spero di esservi stata utile.

21/12/14

Intermezzo Domenicale !!! - Trieste addobata ed illuminata e giochi in 3D sulla facciata del Municipio


Questa volta rimango nella mia città, addobata ed illuminata per le Feste. I giochi di luce sul Municipio in P.zza Unità d'Italia sono stati mantenuti più o meno come l'anno scorso ma i filmati che sono stati fatti e pubblicati su YouTube sono molto belli.
Ho pensato di proporveli anche perchè quello serale del gioco di luci ha una bellissima musica di Bethoven come fondo.

Vi consiglio di ingrandire cliccando sul filmato in fondo a destra per vedere neglio i giochi di luce oppure andare direttamente al link e vedere su YouTube. Sotto ogni filmato c'è il link.



Questo video abbraccia un pò tutta Trieste addobata ed e questo è il LINK





Questo video propone solo i giochi quasi in 3d sulla facciata del Municipio e la fontana illuminata è la Fonta dei Quattro Continenti e l'albero sulla sinistra -  questo è il  LINK


Tutte le grandi città come pure tutti i paesini per quanto piccoli o grandi che siano hanno i loro addobbi e luci che pur nelle difficoltà di quest'anno che si riperquotono anche in questo mese, le luci fanno allegria e contribuiscono a rassenerare e cercare di godere nel proprio piccolo ed accontertarsi perchè la cosa più importante non sono i soldi (certamente sono necessari) ma la salute in primis e l'amore dei nostri cari familiari e non.

Ormai siamo vicinissimi a Natale mancano pochissimi giorni e quindi vi auguro in anticipo Buone Feste ma ci risentiamo ancora.
Buona domenica.

PS.
Alcune foto mie che ho fatto mercoledi

 Mercatino di Natale P,zza San Antonio e due vie del centro illuminate
(clic per ingrandire)

 P.zza Unità d'Italia, Municipio e giochi in 3D e P.zza della Borsa
(Clic per ingrandire)

 Presepe sotto l'albero in Piazza Unità d'Italia
(clic per ingrandire)

19/12/14

Un Menù di Natale del 2010 di casa mia.

Ogni tanto giro anch'io nel mio blog perchè dopo quasi 5 anni sono talmente tante le cose che ho scritto che mi sono persa.
Ricette, informazioni, informatica, programmi, ecc. ogni tanto devo consultare l'Archivio del mio blog che si trova nella sidebar sulla sinistra che l'amica IOLE ha predisposto per me.
Girando quindi alla ricerca di ... mi sono trovata il Menù del Natale 2010,  senza foto, perchè quella volta non le facevo ancora ma mettevo solo le ricette e usufruivo di qualche immagine tratta dal web che avesse però una certa somiglianza al mio piatto.
Mi è venuta così l'idea di anticipare con questo post un Menu natalizio lasciando inalterato quanto scritto nel 2010. Senza immagini perchè non ho rifatto le ricette e non so ancora cosa farò per questo Natale.
Forse però potrà essere utile come idea a qualche mia amica che si diletta di cucina come me ma non certamente alle "chef o cuoche professionali" che anzi spero pubblicheranno qualcosa di molto particolare sui loro blog.

Parlando di cucinare e non avendo immagine dei piatti eccovi un'immagine estrapolata da un PPS a mie mani che ritengo stupenda e originale nel contesto della "cucina in compagnia di un osservatore ed assaggiatore" !!!!



Antipasto : Blinis

(focaccine russe sul tipo delle crepes ma con l'impasto semiliquido lievitato) e viene usata la farina di grano saraceno mista a farina gialla "fioretto" quella del mais o in sostituzione la classica farina bianca. Richiede come detto lievito, latte, yougurt oppure se si trova panna acida.
Vengono cotte con il solito sistema della padellina unta di burro, devono essere piccole (la larghezza di un bicchiere di vino) perchè friggendole si gonfiano e vengono poi spalmate con:
- mousse di salmone affumicato misto alla ricotta (al posto del burro o mascarpone) più leggero
- fettine di salmone affumicato con una cucchiaino di caviale (ovviamente quello di lompo)
Non ha scopo che vi metto la ricetta sul web ne trovate tantissime, scegliete quella più di vostro gusto ma,  quella originale russa è la migliore.
Questi blinis possono anche essere dolci.
Poi ho del salame da spalmare Umbro/Marchigiano "ciauscolo" ormai I.G.P. su crostini caldi da  baguette (filoncino francese), un salamino al tartufo ed uno d'oca.


Piatto forte o unico (primo e secondo assieme) :  Pollo tandoori (pollo all'indiana)

Normalmente viene usato un pollo intero, senza pelle e si praticano tagli profondi in tutte le sue parti fino ad arrivare all'osso. Poi viene bagnato con del succo di limone o di lime meno acido in modo da avere una precottura.
Poi si preparano in una terrina un sacco di spezie che si mescolano tra loro oppure potete trovare l'insieme già pronto nei supermercati e si chiama "garam masala" per il pollo tandoori e vi trovate pure la ricetta di come farlo. Per amalgame le spezie si usa lo yougurt (meglio il greco più denso) ed insieme ne viene fuori una crema con la quale si unge tutto il pollo in tutte le sue parti soffermandosi nel tagli.
Deve venire lasciato a marinare possibilmente in frigo tutta la notte (per questo l'ho scelto lo faccio il giorno prima) e poi va cotto in forno per circa 20-30 minuti ad una temperatura di 180° assieme alla marinatura ( il mio è forno ventilato).
Contorni a casa mia nessuno li mangia, quindi non li ho preparati al caso un pò di verdura fresca per chi la vuole. Il pollo tandoori andrebbe accompagnato con del riso pilaf però salvo la sottoscritta, il riso non piace a nessuno.

Dessert :  Parfait di torrone

Trattasi di un semifreddo che è d'obbligo preparare il giorno prima.
Ci vuole il torrone duro che deve essere pestato (magari con un batticarne) per renderlo a pezzetti piccoli ma non in polvere. Serve la crema pasticcera che si può trovare anche già pronta, della panna da montare, delle uova (il rosso sbattuto con lo zucchero) e l'albume sbattuto a neve ferma.
Si amalgama il tutto e si mette a congelare.
Un'ora prima di gustarlo si deve passarlo in frigorifero per circa 15 minuti e poi se vi sembra ancora troppo duro per altri 10 minuti  a temperatura ambiente per poterlo tagliare bene. La guarnizione la potete fare con la frutta di bosco oppure altro a vostro piacere inclusi i confetti dorati.


Sarei molto contenta se qualcuno vorrà provare e spero che anche senza immagini sia sufficientemente spiegato.
Da quello che ricordo, non è  avanzato nulla.

Buon appetito e buona giornata.

PS.

Un aggiunta dell'ultimo minuto ovvero di oggi 18 dicembre. Ho trovato su Yiu Tube un bellissimo video della EPPINGER che è l'industria dolciaria per eccelenza di Trieste (assieme a Ulcigrai ) in merito al famoso "Strucolo in straza" ovvero avvolto nel cannovaccio e cotto in acqua e non in forno.
Questo video naturalmente è anche pubblicità per la ditta Eppinger e viene presentato mi sembra in una trasmissione da un personaggio forse noto ma che personalmente non ho mai visto. Mostra esattamente come si fa questo leccornia di Trieste e poi altro ancora anche nel campo dei cocktail in quanto la ditta in questione ha parecchi caffè suoi personali a Trieste e quindi offre non solo i suoi prodotti dolciari ma caffè, vini, cocktail e come si dice oggi "happy hour" con stuzzichini e quant'altro ed il video merita essere visto.
Comunquevi lascio anche due link che vi portano al mio post Strucolo in straza (dolce) del 2010 ed al mio personale Strucolo di ricotta e spinaci (salato sempre in straza) del 2013 che faccio spesso su richiesta di mia figlia che ne va matta.
Mi auguro che tutto vi possa interessare e forse anche come idea per qualcosa di inusuale da presentare.




Scusate per il post lungo ma penso che in questo periodo possa essere utile...almeno lo spero.
Buon Venerdì un saluto a tutti.

17/12/14

Pomodori vestiti detti "Frusoni"

Su Sale&Pepe Luglio 2014 rivista che acquisto ogni tanto ho trovato una ricetta di questi pomodori in un articolo di Laura Maragliano Direttore della rivista in questione.
Veniva nominato Luigi Bicchierai classe 1846 - fiorentino detto il Pennino perche ad ogni piatto che preparava nella sua Osteria, annotava sulla ricetta filastrocche e notizie del momento. Sembra che queste ricette e relative annotazioni siano state ritrovate casualmente in una cassa e pubblicate dopo essere state raccolte e catalogate in un libro Franco Tozzi, Edizioni Masso delle Fate, 1996 e sul web ho trovato anche l'indicazione di un altra edizione  "Pennino d'oste (Collana I fornelli) 1996.
La ricetta scelta dal suo Direttore è "pomi d'oro vestiti detti frusoni" fatti l'8 luglio del 1815 e dice di immaginare di essere nella cucina della sua locanda nel lontano 1815.
Certo questi pomi d'oro detti frusoni oggi difficilmente si trovano e non so nemmeno che aspetto avessero e quindi ho optato per i pomodori cosidetti ramati scegliendo i più grandi.

Ingredienti per 4 persone 
4 pomodori grandi
(aumentateli se avete più commensali ho volete radoppiare a persona)
4 uova piccole 
4 fettine di mozzarella
4 fettine di prosciutto cotto
olio evo 
1 ciuffo di prezzemolo
sale - pepe
per la besciamella
40 g di farina
400 di latte
1 tuorlo
noce moscata


immagine dal web non ho fotografo i miei pomodir uguali a questi me ne sono dimenticata


Preparazione
1.-
preparate la besciamella facendo sciogliere il burro assieme alla farina e lavorate di frusta per ottenere una crema e continuando sempre con la frusta versate piano piano il latte facendo attenzione a non formare grumi e fate addensare. Fuori dal fuoco incorporate il tuorlo d'uovo, salate e profumate con una bella grattatina di noce moscata.
2.-
Togliete la calotta ai pomodori e scavateli facendo attenzione a non romperli eliminando anche la semenza e poi conditeli all'interno con un pò d'olio, sale e pepe ed una manciatina di prezzemolo.
Cuoceteli in un tegame coperto con un pò d'olio a fuoco alto per 5 minuti.
(Consiglio: un tegame antiaderente o altrimenti bagnate con un pò d'acqua oltre che d'olio il tegame altrimeni il pomodoro sul fondo rimane bruciacchiato e sa di fumo)


3.-
In un pentolino bello alto fate bollire dell'acqua leggermente salata. Rompete un uovo nel piatto, create un mulinello nell'acqua e versate l'uovo che deve diventare "in camicia". 
Vi consiglio, avendo provato in modi diversi, il modo migliore che diventi in camicia e metterlo su una schiumarola ed adagiarlo nel pentolino facendo il mulinello.
Scolate le uova subito dopo che l'albume si è ben rappreso e mettete da parte separatamente.

4.-
La mozzarella come il prosciutto cotto dovrebbero con l'aiuto di un bicchiere essere tonde dell'esatta dimenzione del pomodoro. Io ho ovviato ritenendo più semplice senza modificare la preparazione, usando della mozzarella giù grattuggiata e spezzettando con le mani il prosciutto cotto tagliato molto sottile.

5.-
Disponete in una teglia da forno leggermente unta i pomodori e riempiteli con una base di mozzarella, poi prosciutto cotto per finire con un l'uovo.  Per ultimo chiudete il tutto versando la besciamella preparata.
Fate attenzione che sia tutto ben pigiato e che la besciamella non fuoriesca altrimenti poi nel forno si brucia.
Mettere vicino anche le calotte dei pomodori che vi serviranno come guarnizione all'impattamento.

questi sono i miei 4 pronti per essere spostati nella teglia


Queste due immagini, la prima è per farvi vedere la teglia, la seconda il pomodoro perfettamente cotto senza colature


Questi pomodori "vestiti" hanno completato il menù della serata.
L'antipasto era la Julienne russa.... piatto super collaudato, la crema di cetrioli finlandese e questo pomodoro,  il tutto inaffiato con una bottiglia di vino Ribolla Gialla della casa Russiz.
A seguito la Crema di Bled ed un bicchierino di crema di limoncello che la procura un nostro amico campano che se la fa mandare da casa prodotto dalla...mamma.

Ora mi metto a riposo un pò, troppa cucina mi stanca ahahahahaha !!!!

Buona giornata.

PS
E' una ricetta che ho fatto quest'estate ma attendevo l'occasione per pubblicarla ed ho pensato che comunque i pomodori si trovano sempre e quindi poteva andare per un buonissimo antipasto anche per le Feste.

15/12/14

OneKey Recovery 1.1 Free per non formattare più Windows

Il Prof. A.Cantaro dell'Istituto Majorana di Gela della quale vi ho parlato tantissime volte in merito ai meravigliosi programmi messi a disposizione di tutti li trovate sul sito Informatica Libera Antonio Cantaro  con video e quant'altro vi possa servire per aiutare anche i neofiti nell'utilizzare il computer, navigare su internet ed utilizzare i programmi di scrittura, ecc.
Un utente del sito ha promesso di rendere pubblica la sua guida in italiano di Aomei OneKey Restore programma freeware della Aomei Backupper stessa. Questa,  diciamo versione completa,  della Aomei Backupper stessa serve per salvare in una partizione nascosta il nostro sistema operativo per evitare in caso di crash o altro di riformattare il nostro computer.
Infatti riformattandolo noi perdiamo tutti i programmi che abbiamo aggiunto nell'arco di tempo di utilizzo dello stesso come gli aggiornamente e quant'altro ancora che poi una volta riformattato rischiamo anche di non ricordare.

Con questo LINK  andate direttamente alla pagina del sito da dove troverete tutte le indicazioni su come scaricare, utilizzare il programma stesso e con i dettagli su cosa ci permette di fare e quali sono le note positive di salvataggio per tutti i nostri lavori in caso di un malaugurato CRASH del nostro computer.


 (questa è la testata del sito)



[Immagine: Onekey.jpg]

(foto presa dal sito in questione)


Ricapitolando, anzichè dover reinstallare il sitema operativo di Windows, con questo programma OneKey Recovery questo incubo è finito. Il programma crea una partizione nascosta e protetta praticamente una copia di riserva allargata oltre al sistema operativo anche ai nostri programmi installati  come per le personalizzazioni che abbiamo creato.

Personalmente ho già provveduto a scaricare questo programma e non appena ho un minuto libero, seguendo passo a passo le istruzioni del sito installerò il programma su tutti i computer fissi e mobili perchè più di una volta mi è capitato di dover riformattare perdendo tutte le personalizzazioni date al mio computer.
Spero di avervi fatto cosa gradita e diciamo è il mio regalo a voi che mi seguite perchè so che è difficile stare dietro a tutto quello che si vorrebbe e si dovrebbe fare.

Vi auguro una bella giornata.

14/12/14

Intermezzo Domenicale !!! Affascinante effetto ottico in Birmania

Questa volta vi faccio vedere qualcosa di molto particolare che mi ha mandato il solito amico austriaco come pps non è convertibile nel solito video. Ho deciso di estrapolarle visto che sono poche e siccome il soggetto è molto interessante sono andata a documentarmi.
Ci sono diversi siti che ne parlano ma avere la certezza di quale sia l'origine di queste immagini e dell'articolo è difficile capire. Io vi metto quelli che ho trovato che sono QUI  e QUI e QUI e QUI
Le immagini su questi sono le stesse di quelle inviatemi.


 FOTO SPETTACOLARE





 
 messa in verticale per far vedere meglio


Come scritto nel riquadro azzurro, è una formazione rocciosa di un lago della Birmania che viene chiamato "Burma" ma che in realtà sembra non esista.Io ho cercato nel web come lago "Burma" in Birmania ma non ho trovato alcuna informazione in merito solo siti che la citano per la spettacolarità di questo fenome definito ottico.
Questo effetto si riscontra soltanto in determinati periodi dell'anno e con un illuminazione del sole.
Chissà se voi stuzzicate dalla curiosità forse trovate qualcosa in più ?????

Siccome il  mio intermezzo vuole dare nel mio piccolo un relax, ho pensato di farvi cosa gradita con questo splendido video e la canzone d'altri tempi cantata da Earl Grant in The End che sarebbe "Alla fine dell'arcobaleno". Forse come titolo non la ricorderete ma la canzone senz'altro l'avrete sentita e mi sembra complementare con queste immagini tanto particolari.




Vi auguro una bellissima domenica e sicuramente sarete tutte indaffarate a fare l'albero, decorare la casa e preparare il menù di Natale per la vostra famiglia e sicuramente dolcetti per piccoli e grandi.

Ciaoooooo

11/12/14

Salmone con funghi, spinaci e erbette su crostoni di patate

Questo ricetta l'avevo letta su Sale&Pepe di novembre senza darle particolare attenzione.
Me ne sono ricordata perchè stavo studiando cosa potessi inventare con dei tranci di salmone e merluzzo che non potevo rimandare.
Ricordavo che veniva utilizzato del salmone e funghi porcini secchi composti l'uno sull'altro come una piccola torretta con una base di spinaci e di ancora qualcosa di solido. A questo punto mi sono messa al lavoro cercando disperatamente di ricordare qualcosa ma poi ho deciso di andare ad istinto.....culinario!!!!
Ho pensato anche di fare come base alla torretta invece della solita fetta di pane, una fritella di patate sul tipo gratì.
Ecco cosa ne è venuto fuori.....


Ingredienti per 3 persone
3 tranci di salmone o merluzzo o misto  fresco o surgelato (io misto)
30 g di funghi porcini secchi
400 g di spinacini misti con le erbette verdi (solo le foglie)
2 cipolotti freschi (potete usare anche il verde se tenero) 
2 patate medie
1 uovo - solo l'albume
30 g di burro 
sale e pepe
1 bicchierino vino bianco secco misto con un pò di succo di limone


Procedimento
Mettete a bagno i funghi porcini secchi in circa 300 ml di acqua che vi servirà poi per la cottura.
Tagliate il cippolotto molto fine e lo fate appassire con un pò di burro fino a che diventa morbido e trasparente senza colorarsi e poi lo mettete da parte.
Lavate gli spianci e le erbette e fatele appassire in una padella senza alcun altro ingrediente.
Quando appasito, salate un pò e mettele da parte,


Tagliate grossolanamente i funghi se sono troppo grandi è aggiungeteli ai cipolotti facendoli cuocere per 5 minuti senza alcuna aggiunta poi, aggiungere un pò dell'acqua dei funghi dopo averla filtrata, aggiustate di sale e cuocete per altri 5 minuti. Controllate che i funghi siano teneri al caso continuate la cottura e se troppo asciutto aggiungete ancora un pò dell'acqua dei funghi.



Pelate le patate, grattatele fini mescolatele con l'albume, salate e aiutandovi con le mani formate una specie di fritella della grandezza dei tranci di pesce che cuocerete in una padella antiaderente a fuoco medio girando spesso e facendo attenzione che non si rompa.


In una capiente padella con il restante burro rosolate i tranci di pesce a fuoco vivace cercando di girarli una volta solta per evitare che si sfaldino,  circa 5 minuti per parte dipende dalla grossezza del trancio.



Poi coprite i tranci con i funghi, aggiungete ancora un pò dell'acqua di ammollo dei funghi filtrata, il vino con il limone  e cuocete senza girare a fuoco vivace per altre 5 minuti. Se il fondo si asciuga aggiungete ancora l'acqua e magari con un cucchiato versate il sugo sui tranci stessi. 
Mettete in un piatto provvisorio i tranci di pesce facendo attenzione che non si sfaldino e nel fondo di cottura fate saltare ed amalgare gli spinaci/erbette che prendano il sapore rilasciato dal pesce e funghi.
Impiattate mettendo come base la fritella di patate, poi i tranci di pesce ed attorno gli spinaci/erbette irrotate con il fondo ...il sughetto e servite.


non è molto bello l'impiattamento ma maritozzo non ha atteso che faccia la foto.....

Tante volte mi succede che mi avanzino degli alimenti intatti da utilizzare perchè quando faccio una cena per amici o familiari ho sempre paura che se mi chiedono ancora di non poterli accontentare. In questo modo finisce sempre che ho alimenti a casa in avanzo ed è quasi sempre possibile trovare un modo per creare con fantasia un piatto squisito e perchè no....forse anche nuovo!!

Buona giornata.

09/12/14

VATY ..... auguri e come dici sempre "solo cose belle"

Sono orgogliosa e felice di essere considerata amica da Vatinee Suvimol, Vaty per tutti che festeggia il suo compliblog ed ha pensato di proporre un Giveaway con doni per festeggiare alla grande.

Lei dice a tutti noi ma io lo auguro di cuore a lei, "solo cose belle"
Lei è stata triste nelle sua giovinezza però questa tristezza l'ha resa più forte pronta a difendere a spada tratta le sue amicizie ma anche a donare parole di conforte e sostegno nelle difficoltà della vita proprio memore della propria personale esperienza. Le sue origini THAI si rispecchiano nella dolcezza e nel modo di essere e di presentarsi.
Mi fermo, altrimenti mi dirà che sono troppo sdolcinata ma, lasciatemelo dire, come lei si sente cittadina del mondo perchè nel mondo ha viaggiato, io sono cittadina del mondo perchè l'ho in casa per persone di famiglia con origini diverse e so cosa significa. Alle volte uno può pensare che essere "cittadine del mondo" ci penalizza perchè forse  non abbiamo o non sentiamo un origine; non è vero perchè almeno io e credo anche lei ci sentiamo invece parte di ogni cittadino di questo mondo.

Partecipo, non potendo mangiare dolci,  per la sezione  Travel :D

http://www.athaipianist.ifood.it/2014/12/8978.html

 " Con questo post partecipo al Giveaway di Vaty: Food & Travel "


Ciaoo Vaty un abbraccio e auguri ancora.

Il mio QUINTO compiblog



Oggi 9 dicembre 2015 il mio piccolo blog compie 5 anni, mamma mia come è giovane rispetto alla mia età..... è ancora un infante!!!!
La torta una crostata di frutta fatta per il compleanno di mio nipote che con i potenti mezzi messi a disposizione dal web , l'ho riciclata per il compiblog...ma almeno l'ho fatta IOOOOOO !!!!!

Cosa dire di questi cinque anni passati.....una bella esperienza iniziata all'età di 65 anni con maritozzo che mi disse "sei tutta matta" !!!!  Consono al mio carattere ed alla mia innata curiosità non poteva che essere multitematico anche se la maggioranza di amici che mi seguono sono chef, ma anche solo cuoche e mamme a cui piace da matti cucinare. Piace anche a me ma non in modo prioritario e farlo mi diverte sopra tutto quando devo cucinare per gli amici e per la famiglia. Per noi, siamo due soli, cose veloci ma sopra tutto leggere.
In questi cinque anni ho conosciuto, il virtuale non è importante, tantissime persone con la quale ho potuto avere ed ho ancora, un bellissimo scambio di idee, sulla famiglia, i figli e anche nipoti, opinioni sui vari sistemi di vita e come diciamo noi a Trieste  "ciacole" ovvero chiacchere come se fossimo davanti ad una bella tazza di thè o cioccolata e tanti pasticcini.
Una bella esperienza che spero continui, tutto merito vostro.......


Thank You


perchè l'apporto che mi viene dato è uno stimolo a continuare su questa strada intrapresa, augurandomi di essere anche utile con i mie post che variano dall'informatica a consigli, alle curiosità oltre che a ricette vecchie di 50 anni fa m anche nuove perchè la curiosità non si è ancora fermata.
Poi con il mio intermezzo domenicale spero di offrire a voi tutti una piccola pausa.
Che dire altro..... non saprei,  ripetere solo GRAZIE, sperando che continuerete a sopportarmi ed a supportarmi, perdonatemi se non posto solo ricette ma spero che anche il resto, come detto,  possa tornarvi utile e che mi veniate a trovare lo stesso e non solo quando entro nella mia e vostra cucina.

Se avete qualche idea che desiderate trovare nel mio blog e che non avete tempo di farlo voi ditemelo che vedrò di accontentarvi.

Un abbraccio a tutte indistintamente sia quelle che ancora mi seguono che altre purtroppo perse e come si usa dire nel gruppo (mamme, nonne, professioniste, semplici casalinghe ecc.) che sono le  "Bloggalline" e di cui sono fiera di appartenere "Vi LOVVO Tutte ".
 A  questo proposito vi offro una chicca che proviene proprio dal gruppo "Bloggalline", se andate nella mia sidebar a destra e cliccate su "Le Fluffose delle Bloggalline" potrete scaricare un PDF con tutte le versioni di questo dolce fatto dalle amiche del gruppo che sono chef, cuoche sopraffine, semplici casalinghe, studentesse ecc. è un dolce semplice da cui potrete trarre spunto per Natale. Grazie alle mie amiche di avermi autorizzata a mettere la raccolta nel mio blog.


Natale è vicino quindi vi lascio con un video



Mi permetto ancora di aggiungere dei dati che sono motivi di orgoglio per me perchè non avrei ma pensato di raggiungere questo risultato:
- 367075 visualizzazioni
- 928 post pubblicati di cui 257 ricette (non male per chi non è foodblogger)
- La Sagrada Familia il post in assoluto più visitato con 23774 visualizzazioni
- 15912 commenti (che però non so da quando avevo iniziato il conteggio non dal 2009)
- 443 amici che hanno deciso di seguirmi e spero che mi continuino a seguire  

Ripeto, sono molto felice e voglio continuare perchè sono giovane.....ho solo 71 anni.





07/12/14

Intermezzo Domenicale !!!! Idee per le vacanze...




Ho questo PPS da tanto tempo ma ho sempre rimandato la conversione attendendo il momento adatto che è arrivato. Qualche idea per chi vuole passare il Natale e l'Anno Nuovo fuori dai consueti schemi, che ha la possibilità e che non è vincolato di farlo.
L'immagine sopra non è la più bella di quanto questo video propone ma io la vedo come una lunga strada che non vedendo l'orrizonte si può decidere e fantasticare su dove questa vi porterà, quale svolta troverete una volta arrivati nell'orizzonte .... destra , sinistra e sempre diritti !!!!! A voi la scelta. Spero che la musica si senta è quella del creatore del pps.




Oggi domenica 7 dicembre è la festa di Sant'Ambrogio a Milano (sant'ambroeus) e domani lunedi 8 dicembre è la festa dell'Immacolata Concezione che permette in particolare ai lombardi un bellissimo ponte.
Mi permetto di scrivere alcune nozioni sulla giornata dell'Immacolata Concezione che è un dogma cattolico  proclamato da Pio IX nel 1854.
In questo modo con la bolla Innefabilis Deus sancise che la Vergine Maria è stata preservata immune dal peccato originale sin dal suo concepimento, ma non va confuso con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria.
Il dogma riguarda solo il peccato original che solo la Madre di Cristo ne è esente in quanto per la religione cattolica noi tutti nasciamo con il peccato originale.
La Chiesa celebra cosi il giorno dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria ed è nel cattolicesimo collegata con le apparizioni di Lourdes (1858) e con le precedenti di Rue du Bac a Parigi (1830).
(Informazioni tratte da Wiki )

Auguro a tutti i lombardi una buona domenica e festa a Sant'Ambrogio, ed un buona festa dell'Immacolata a tutti noi.

Ciaoooo

04/12/14

Insalata allo yougurt (origine India) per Ricette del mio passato 5°

Carissimi amici, mi dovete scusare ma qusta settimana non sono presente come al solito ma problemi di connessione nonchè di impegni personali e di tempo...schifoso con pioggia  e bora a Trieste sono stata un pò latitante.
Mi faccio perdone - spero, con un altra ricetta molto sfiziosa che spero troverete interessante e da provare. Vi assicuro che ai miei amici commensali quella volta - tanti anni fa, è piaciuta moltissimo e mi hanno richiesto di farla di nuovo ben sapendo che a me non piacere rifare la stessa cosa ma cambiare. Ovviamente accontentati !!!!!




Nel mio post La mia piccola biblioteca... (gastronomica)  vi avevo promesso che avrei condiviso con voi vecchie ricette fatte tanto tempo addietro tratte dalla mia biblioteca.
Questa ricetta sempre del passato è invece tratta da un altra collana della mia Biblioteca che non avevo indicato e pensare che trattasi di una "raccolta" di 66 fascicoli che da soli formano una piccola biblioteca. La Raccolta  come detto di ben 66 Fascicoli  è del 1977 quindi ha la bellezza di 37 anni. 
Trattasi della raccolta...


Grandi Guide  e Curcio Guide 
 Scuola di Cucina - Corsi pratici illustrati e ricette 
per 855 Lezioni e di conseguenza di ricette
 -  Edizioni Curcio e Longanesi -
Anno 1977


Ogni fascicolo di circa 100 pagine, offre Cucina Internazionale, Regionale, Esotica, ecc. spaziando dall'Estremo Oriente all'Africa, all'Asia, Europa ecc. e sopratutta la Cina nelle sue varie regioni e naturalmente anche le  Americhe (USA - Latina...).

Questo piatto, l'avevo presentato ad una cena di amici abituati a gustare ricette particolari e sapori nuovi per quegli anni e parliamo del 1980.
Credo che prima o dopo lo dovrò rifare in quanto pur avendo nella composizione ingredienti che si possano definire invernali, è invece molto fresca ed anche attuale perchè rientra nella cucina etnica che tanto piace oggi.

Ingredienti  per 4-6 persone (io l'avevo fatta per 10)
una manciata di gherigli di noci
qualche foglia di menta secca o fresca (che io ho omesso non piace a nessuno)
1/2 cucchiaio di ciascuno: semi di senape, semi di coriandolo
3 cucchiai di olio di semi
1/2 cucchiaino di ciascuno di polvere di : cardamono,tumeric, paprika piccante (io la dolce), cannella, curry
1 peperone verde (ho usato il giallo)
1 cetriolo 
1 carota
1 pomodoro
2 cipolle medie
1 grossa patata lessata
1 arancia 
1 mela
1 litro di yougurt naturale intero (ho usato quello magro)

 
la foto è tratta dal suindicato fascicolo ma anch'io possiedo una ciotola uguale di vetro e quello che vedete era esattamente la mia insalata ma, nel 1980 non si usava fare foto e ne avevo un blog.


Procedimento
Le noci vanno pestate assieme alla menta secca se la usate. Io ho tritato le noci nel frullatore senza la menta.
Nel caso che usate la menta fresca queste devono essere prima tritata e poi pestata assieme alle noci.
In una padella con un  pò di olio fate tostare i semi di senape e coriandolo e rosolateli fino a quando diventano quasi nere ma non bruciate. (Potete usare l'olio di sesamo  se vi piace che è molto profumato).

Quando diventate nere, aggiungete gli altri ingredienti in polvere (li trovate oggi facilmente nei negozi etnici e non solo anche nella grande distribuzione) e fate rosolare  mescolando bene a fuoco dolce per circa 3 minuti trascorsi i quali spegnete  e lasciate da parte coperto e al caldo.
Tagliate peperone, cetriolo, carota, pomodoro e le cipolle a pezzettini piccolissimi, la carota meglio al taglio julienne

In una insalatiera di vetro come quella dell'immagine, mettete tutti questi ingredienti preparati a crudo, salate ma poco e versate lo yougurt mescolando bene. 
Aggiungete la patata lessa tagliata a pezzetti dopo averla sbucciata e la poltiglia di noci e menta se l'avete usata.
Infine completate con l'arancio tagliato a pezzetti dopo averla pelata a vivo, la mela sbucciata ed a pezzetti e completate con il condimento delle spezie che avete tostato in padella e tenuto al caldo.
Mescolate bene ed a lungo, assaggiate se mancante di sale e poi fate raffreddare, meglio sarebbe dare al piatto 24 ore di riposo mettendola in frigo e quindi perfetta per prepararla il giorno prima.
Va servita fredda non gelata magari prima di consumare lo togliete dal frigo 10 minuti prima.

Io l'avevo presentato cosi in tavola ed ognuno si sertvito da solo usando delle coppette che ciascun commensale aveva davanti. Vi assicuro che è stato un successo e mi fa piacere l'averla ritrovata perchè ho quasi deciso a distanza di tutti questi anni di rifarla anche se ho sempre detto che non faccio una ricetta due volte.

Spero che qualcuno la provi e che la trovi di suo gusto.
Probabilmente non a tutti piacciono le spezie nel qual caso senza di questa perderebbe tutta la sua unicità. Se non trovate il tumeric non fa niente magari mettete un pò di più delle altre spezie in polvere.

Un caro saluto alla prossima.
Buonan giornata.



Nota
E' un piatto da gustare freddo e voi direte che in inverno non va bene ma, quest'insalata particolare va benissimo come un antipasto assieme a dei bastoncini croccanti fatti con la farina di ceci in forno e coperti da un pò di peperoncino dolce in polvere. 
Oppure come un contorno ad un piatto di carne semplice condito con un sughetto a base di pepe verde e vino rosso.
Può benissimo venire gustato anche con un gamberoni fritti  oppure saltati al burro e aglio.
La fantasia non manca però prima fate il piatto assaggiate e decidete cosa mettere o non mettere vicino.


P.S.
Se vio fa piacere tutte le ricette del mio passato le tovate QUI

 
Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole