29/01/16

Gelato di ....gorgonzola

In occasione di una cena con il solito amico buongustaio :) avevo fatto dei ravioli ripieni con rucola e sardoncini da gustare assieme ad un gelato....di gorgonzola.
Avevo fatto anche un post ma non lo trovo più a parte l'annotazione in merito a questo gelato ed ho pensato di riscriverlo.


Ingredienti per 3-4 persone
200 gr di gorgonzola 
(se vi piace quello di Rochefort verde che ha sapore più forte)
2,5 dl. di latte
125 gr di panna fresca
1 cucchiaio di zucchero



Preparazione
Il gelato può essere fatto anche con la gelatiera ma io non la possiedo e quindi ho usato il procedimento che richiede l'utilizzo del congelatore.
Spezzettate a piccoli pezzi il gorgonzola dopo aver eliminato la crosta laterale e fatelo fondere a bagnomaria.
A parte preparate lo sciroppo con il cucchiaio di zucchero e 2 cucchiai di acqua che aggiungerete al gorgonzola sciolto. Passate la crema in un passino a trama piccola come questo della foto in modo da eliminare il verde duretto del gorgonzola e quando raffreddato aggiungete la panna fresca.

 

Mescolate accuratamente e mettetelo in una terrina di acciaio (se non utilizzate la gelatiera) in quanto in congelatore si raffredda più velocemente ed è più facile anche da mescolare.


 

Dopo un ora circa, mescolate la crema mescolando la parte ghiacciata di superficie con il resto e rimettete nel congelatore ripetendo la stessa operazione circa ogni ora,  fino a quando tutto il composto non si è ben congelato.
Una mezz'ora prima di utilizzarlo, levatelo dal congelatore in modo si si ammordibisca per poter facilmente creare la pallina con il cucchiaio o con l'apposito attrezzo. Non deve diventare troppo tenero ma avere la consistenza di un sorbetto.

E' un gelato che accompagna molto bene della pasta ripiena, crepes ripiene di verdura ma anche fritti vari come di verdure o anche di pesce o anche accompagnare qualche muffin salato o quanto la vostra fantasia vi farà creare.

Buona giornata a tutti.


NOTA affluente

  • Potete utilizzare anche altri formaggi se il gorgonzola non vi piace purchè si sciolgano facilmente o anche più tipi di formaggio per creare un sapore unico.

26/01/16

Tortino di crepes con prosciutto, formaggio, mozzarelle e salsa ai funghi

Avevo fatto tante crepes per rifare le mie "palacsinte ungheresi" fatte per Natale. Anche questa volta pur avendo l'esperienza precedente ci ricado sempre, mi sembra troppo poco :(  ed ho pensato di fare un tortino. Usare le crepes a strati riempendo ogni strato con qualcosa di diverso come verdura, formaggio, prosciutto alimenti che tra l'altro avevo a casa.
Il risultato buono, abbondante per 2-3 persone.

Ingredienti
15 crepes di diametro piccolo 16-18
50 g di provolone piccante
100 g di prosciutto cotto
1 salsiccia di pollo
1 confezione di funghetti champignons al naturale
1 cespo di radicchio rosso
2 ciuffi di pak choi o bock choi una cavolo cinese ma piccolo
2 confezione di panna fresca
1 uovo
1 spicchio aglio
2 cipollotti freschi
1 formaggio grattugiato


questo è il pak o bok choi immagine da wiki


Procedimento

La pastella per le crepes credo non sia necessio darle ma questa è un pò particolare.
  • Per averle leggere e sottili la pastella è stata fatta con tanta acqua minerale frizzante e lo stesso quantitativo di latte (375 + 375 +  300 farina e 2 uova)e mi riferisco alla  
  • "Palacsinta" la cui ricetta la trovate QUI.
Mondate il radicchio e il pack choi, di quest'ultimo basta tafgliare l'ultima parte il resto è tenerissimo e di sapore delicato. In una padella con un pò d'olio fate appassire la verdura tagliata, lo spicchio d'aglio e senon vi piace lo lasciate schiacciato e vestito per poi toglierlo, il cipolotto fresco. La cottura è veloce circa 10 minuti. In un robot tritate le verdure assieme al provolone ed un pò della panna fresca per rendere l'impasto morbido ma non fluido.


In una tortiera o ciotola di terracotta come nel mio caso, imburrate ed iniziate l'assemblamento....alternando le crepes con quanto a vostre mani io ho alternato : crema di verdure, prosciutto cotto a pezzetti, salsiccia a rondelle assieme ad un pò di salsina, ecc.
I funghetti champignons quelli miei erano già saporiti al naturale e li ho frullati con un pò di panna fresca con sale ed un pò di pepe.
In altra ciotola mescolate la panna fresca con l'uovo, sale e pepe e sbattete con la forchetta.
Poi la versate sul tortino allargando i lati affinchè vada in tutto le parti.
Un pò di formaggio misto con pane grattuggiato per la crosticina e mettete in forno per circa 15-20 minut a 150° (io ho forno ventilato).
Tagliate poi a spicchi e con un insalata mista è un pranzo o cena completo senza appesantire.
Una birretta ci vuole io adoro la birra rossa :D

Buon appetito e buona giornata.

24/01/16

Cosa vi piacerebbe trovare come intermezzo domenicale ?????

Avevo scritto il 3 gennaio (QUI) che mandavo in vacanza per ricaricarsi la rubrica Intermezzo Domenicale. Non ho mai pensato pensato però di eliminare questa rubrica ma di continuare, dopo questo piccolo riposo, con una nuova veste/presentazione e contenuti.
Ritengo ormai che sia da troppo tempo che vi sommergo con i video di immagini, città ecc. che per quanto belle possano essere diventano noiose perchè ormai scontate.
Ho tante ideuzze ma l'importante è mantenere una veste di leggerezza nella lettura perchè alla "Domenica" si vuole vedere/leggere/ascoltare  cose poco impegnative, divertenti e perchè no anche curiose.
Mi è venuta però un idea :D quello di chiedere anche a voi ........

Cosa vi piacerebbe leggere come intermezzo alla domenica ????


Non voglio darvi nessuna indicazione e non preoccupatevi di proporrmi cose che forse potete ritenere troppo complesse o strane o particolari, non mi spavento per così poco anzi il troppo semplice mi annoia :) :) 
Certo tra le proposte opterò per quella che oltre a piacermi mi convinca sia d'interesse generale ma anche fattibile per un ricerca che eventualmente si rendesse necessaria. Cerco sempre di documentarmi per dare il più possibile una corretta interpretazione dell'argomento. Se nelle proposte ci saranno anche più di una che mi piacciono e sono fattibili vorrà dire che le alternerò nelle domeniche a venire citando  sempre l'amica/che ed il suo/loro blog o altro che l'ha/hanno  suggerita/e.

Se non ve la sentite non cè problema ma avrei proprio piacere conoscere i vostri desideri nonchè opinioni/proposte.

Grazie in anticipo di cuore e vi auguro una buona domenica.





23/01/16

APP Microsoft anche per ANDROID

Dopo il post per la APP ad uso di chi utilizza INSTAGRAM, ecco una raccolta di APP messe a disposizione dalla Microsoft anche per chi usa Android. Penso che per figli, nipoti ecc. possa essere molto interessante e quindi ho deciso di condividere anche se mi rendo conto che per la gran parte di amici non suscita molto interesse..non si sa mai :) :)
Dal mio solito amicoVinnie apprendo che tutte le APP di Microsoft per Android sono ora ragruppate in un unico gruppo. Ovviamente Microsoft ha tutti gli interessi di rendere disponibili le sue applicazioni mobile anche per altri smartphone e tablet che non usano il sistemo operativo Microsoft ma Android e iOS.
Attualmente per lo specifico Android attualmente Microsoft ha gia pubblicato ben 80 applicazioni circa su Ply Store e disponibili al download.


 l'immagine e tratta dalla pagina di Guidami




Per come utilizzarle, il link per andare alla pagina delle Microsoft APP ed altri link molto importanti li trovate al sito di GUIDAMI.info a questo LINK. 
Io credo che queste APP almeno ai giovani utilizzatori che forse li conoscono già sono molto simpatiche e utili.
Questo post è breve ma darvi ulteriori spiegazioni non vi sarebbero utili in quanto le spiegazioni ed aiuti sono talmente specifici che non è possibile fare un eventuale sintesi.

Vi consiglio di andare alla pagina indicata e vi auguro una buonissima giornata.

21/01/16

Creare video di foto con Flipagram per Instagram

Ho pensato che questa applicazione possa interessare a moltissime che la usano sul loro mobile.
Chi non conosce l'applicazione INSTAGRAM usato su smrtphone, iPod ecc. sopra tutto per la pubblicazione di foto. Ho visto tempo fa su Instagram un amica che seguo che ha messo un video carinissimo fatto con questo programma/applicazione che si chiama FLIPAGRAM.
Naturalmente sono andata a cercare maggiori dettagli ed ho trovato due siti che spiegano come usare questa APP che naturalmente è Free.


 L'immagine credits del sito QUI


Indicazione su come scaricare ed usare questa APP la trovate su questo sito

dalla quale ho anche estratto l'immagine sottostante.



Questo invece è il LINK  ufficiale della App "Flipagram". 
Sono sicura che questa APP sarà utile alle amiche che usano Instagram per le loro photofood e viaggi e quant'altro vogliono condividere. E' un'applicazione facile sopra tutto con le indicazioni del sito suindicato che si chiama "Italianeography".

Vi auguro una bellissima giornata.

(Ricette arriveranno)

19/01/16

Fine della PAUSA FORZATA salvo imprevisti e Involtini di bresavola di cavallo su letto di verdure ed il Tête de Moine

I lavori urgentissimi sono finiti ma i problemi sono troppo estesi per poterli sanare al meglio e completamente considerando il periodo. Il tetto purtroppo non è di quelli di facile accessibilità considerando le mansarde e serre che si innalzano dal tetto che interrompono la dirittura di spazio per poter  agire continuativamente.
Le  regole per la sicurezza che giustamente l'impresa che opera per il condominio deve seguire recita che in caso maltempo ma anche se splende il sole ma soffia la bora non si può intervenire nella sicurezza richiesta. La prosecuzione e completamento dei lavori - sono stati fatti solo i più urgenti - vengono rimandati quindi alla primavera salvo eventuali ulteriori problemi gravi per cui viene richiesto un pronto intervento.
Rientrata quindi in possesso della mia postazione da ieri lunedi, non sarà il freddo preannunciato che mi fermerà :D :D  anche se la mansarda è purtroppo gelata rispetto al piano sottostante. Mi vestirò come se fossi al POLO :D :D  e con la stufetta ad olio vicina. Sottotetto si gela d'inverno nonostante il riscaldamente e si fa la sauna in estate nessuna mezza misura.

Mi sento di esprimervi la mia gratitudine per la vostra solidarietà e comprensione per l'assennza è una cosa che riscalda il CUORE e fa si che vi sento tutti come amici e non solo nomi virtuali.


e passiamo alla ricetta :) :) 



Nel mio post del 5 gennaio che trovate QUI avevo postato la ricetta con una foto presa da un vecchio giornale. E' talmente piaciuto che abbiamo deciso di fare una bella serata maritozzo ed io e rigustarci il piatto con il famoso formaggio "Tête de Moine".
Prima di ridarvi la ricetta quasi completamente diversa dalla precedente parliamo di questo formaggio che ho scoperto che moltissime amiche foodblogger non lo conoscono. Infatti è un formaggio molto poco reclamizzato, difficile da trovare e direi anche alquanto costoso. 
Il Tête de Moine è un formaggio svizzero unico al mondo le le modalità con cui si consuma. Non può essere consumato con il solito taglio della fettina, ma bisogna ottenere dei petali di formaggio mediante lo strumento a coltello orrizontale chiamato "girolle". Infatti si può consumare dopo aver raschiato con questo strumento e l'odore che rilascia è quasi pari al suo sapore. Si formano delle rosette che quando si presenta magari un risotto oppure un piatto di affettati le rosette che si formano mediante la raschiatura da un bellissimo colpo d'occhio. 
Viene prodotto nel Giura e nel Giura bernese del Canton Berna. Viene ancor oggi prodotto però limitato a pochi caseifici e, la creazione di questo formaggio lo si deve ai monaci della zona ove i caseifici oggi la producono. Viene esportato in tutto il mondo e rappresenta il biglietto da visita della tradizione casearia elvetica.
Maggiori informazioni le trovate QUI  che  vi consiglio vivamente di curiosare perchè senz'altro sarebbe un apporto a tantissimi vostri piatti. 

Questa è la "girolle" ed la forma grande da 900 g del Tête de Moine immagine da Wiki
la mia personale la metto dopo la ricetta


Avevo parlato di questo formaggio su un social network e molti hanno impropiamente usato la parola "raspadura". Vorrei precisare che il sistema utilizzato per gustare il formaggio svizzero e non esistono altri modi, non ha nulla a che fare con la "raspadüra".
La raspadüra a differenza è un modo di presentare il formaggio grana che viene presentato in scaglie ottenute mediante un particolare coltello. Avviene su una forma Tipica Lodigiano oppure Grana Padano giovane. Vi metto un immagine per farvi vedere il particolare coltello usato ed il modo di come poi vengono create le scaglie sottilissime e le nozioni informative interessanti le trovate  QUI .
 

 l'immagine è da Wiki per farvi vedere il coltello particolare usato per la raspadüra


Dopo questo note introduttivo doverose perchè è giusto condividere con voi quanto sapevo e quello che ho appurato in seguito e passiamo alla ricetta.

Ingredienti per 2-3 persone

100 g di bresavola di cavallo taglia fine
1 confezione di spuma di capra 
(è una ricotta molto sottile e freschissima viene venduta nel contenitore bucato perchè rilascia ancora il siero) 
30 g circa di erba cipollina
1 cucchiaiata di prezzemolo tritato fine
10 g di noci
1 carota media
1 cespo di radicchio rosso a foglia larga
1 cespo piccolo di radicchio variegato di Castelfranco Veneto
2 cespi piccoli o 1 grande di indivia belga
1 arancia grande
2 lime
sale - pepe - olio evo


Procedimento
Mescolata la confezione di spuma di capra assieme ad una parte dell'erba cipollina tritata fine ed alla carota grattugiata fine. Se troppo densa aggiungete un goccio di olio.
Togliete dai radicchi le costole centrali dure e le foglie tagliate sottili tipo julienne come pure dell'indivia belga che toglierete le parti finali e le costole più dure e tritate le noci.
In una terrina mescolate tutto e condite con il succo dei due lime e aggiungente l'erba cipollina rimasta, l'olio, sale e pepe. Assaggiate per sentire che non manca nulla deve risultare acidula e quindi al caso aggiungete ancora mezzo limone.
Riempite le fette di brasavola con la crema capra ecc. pronta e avvolgete a forma di sigaro.
In un grande piatte che possa essere portato in tavola, mettele nel centro a modo raggiera la bresavola e coprite il tutto con le verdure condite e ponete tutto in frigo per almeno 2 ore prima di consumare: la bresavola deve venire quasi cotta dall'acidulo della preparazione.
Preparate l'arancio tagliando a vivo la buccia e la parte bianca, levate la pellicina e tagliate a pezzetti raccogliendo anche il sugo.
Prendete il piatto 10 minuti prima di servire dal frigo, cospargete i pezzetti di arancia e versato il sugo dello stesso e mescolate piano piano facendo emergere la bresavola in modo da poi da servirsi più facilmente completando con  i radicchi ecc. marinati e con una spolveratina di insalatina verde varia giusto per il colpo d'occhio.



Il tutto io l'ho accompagnato con fette di pane caldo sulla quale ho messo le rosette del mio formaggio "Tête de Moine" e vi assicuro una delizia per il mio palato.
Un vino rosè leggermente mosso ha accompagnato la nostra serata.




Il mio Tête de Moine - mezza forma circa 400 g che viene venduta già con la "girolle" non in legno ma funzionale per l'uso e con la possibilità del riutilizzo purchè trovi sempre la mezza forma.

Credetemi un formaggio unico come sapore e profumo. Certo i nostri formaggi italiani di qualsiasi regione sono favolosi ma questo effettivamente merita sia per il modo di consumo molto originale ma anche impossibile a modificarlo in quanto cosi le rosette si sciolgono in bocca. Formaggio gustoso perfetto nel sapore non eccede in nulla e vi dirò che non ha bisogno di altri accompagnamenti perchè da solo soddisfa e sazia è molto molto pieno.

Buona giornata.

10/01/16

COMUNICAZIONE ...diciamo di SERVIZIO e della bella musica per voi.

Non è un intermezzo ma ho scelto la domenica per comunicarvi che sono costretta a mettere in PAUSA il blog per un pò di tempo. Spero per non più di 15 giorni ma considerando il lavoro che devono fare soggetto al tempo atmosferico potrebbe essere anche più lungo :( :( :(  e mi spiego !!

La mia postazione si trova in mansardo sotto tetto e quindi purtroppo questa  è soggetta ad infiltrazioni non solo di umidità/trasudazione ma anche di infiltrazioni dovute a manchevolezze del tetto stesso.
Datochè le infiltrazioni ora stanno diventando importanti e gli intonaci all'interno si stanno disfando in alcuni angoli (bisogna piegarsi a 90 gradi ), è stato deciso di provvedere almeno per i punti più urgenti tenendo conto anche del brutto tempo attuale con pioggia e anche bora perchè se soffia sul tetto non si può lavorare comunque perchè non esiste sicurezza.
Oggi sabato piove domani vediamo e vedremo come sarà lunedi.
Purtroppo i 4 abbaini/lucernai della mia mandarda dovranno restare aperti in quanto gli operai passeranno anche di qui e quindi devo coprire la postazione computer mia e di maritozzo ed anche altri mobili ecc. perchè se iniziano e non possono proseguire i lucernai saranno coperti dall'esterno in modo adeguato perchè le chiusure sembra che DUE su QUATTRO dovranno esssere tolte.

Userò il mio notebook che porto sempre con me in vacanza al campeggio al piano di sotto ma purtroppo non ha tutti i programmi e altro che mi servono ed è con un sistema operative VISTA che non supporta tutto quello che ho sul mio sistema WIN 7 quindi preferisco non rischiare.

Passerò comunque da voi per un salutino non costantemente :( con il notebook o con lo smartphone visto che lo collego a casa con wifi e vado molto bene come connessione.

Chiedo chiusa, non dimenticatemi :( :( io ritorno appena riesco a riprendere in piena autonomia la mia postazione, come vedete a sinistra l'abbaino chiuso per la bora con un scorrevole in legno e la mia postazione subito sotto.

          

Vi auguro una buonissima domenica, una prosecuzione di settimana, NON dimenticatemi e ci risentiamo qui sul blog prima possibile intanto preparerò appunti per tante cose poi da condividere con voi.

Vi lascio con una canzone degli Ambassador - "Renegades" che in questo momento va per la maggiore ed è testimonial anche per una nota macchina fuoristrada.




Ancora buona domenica a tutti ovunque voi siate.


07/01/16

Nuova Rubrica: Cucina e Pasticceria : Piccolo glossario tecnico e non solo : "E" - Seconda Parte





Proseguiamo il Piccolo Glossario ed entriamo nella lettera "E" : Seconda Parte

E
  (seconda parte)

Essenze : saprete certamente che parliamo di sostanze profumate che provengono dal mondo vegetale e, sono estratte per  macerazione e/o per distillazione con l'ausilio di sostanze grasse.
Vengono usate in  pasticceria per aromatizzare gelati e creme. 
Queste sono le informazioni diciamo basilari ma siccome io sono curiosa ecco altri dettaglia tratti da Wiki.
Essenza viene anche definita come sostanza odorosa presente in alcune piante sinonimo di olio essenziale che viene usato anche per deodorare gli ambienti in inverno mediante l'umidificare che poniamo sui caloriferi.  Questa in casi rari viene anche ricavaya da particolari secrezioni animali ad esenpio come l'ambra grigia e lo zibetto (oggi vietati).
In ambiti scientifici l'essenza identifica anche un legno tramite il nome comune dell'albero da cui è stato ricavato come ad esempio il faggio.
Un immagine tratta da Wiki di un insieme del mondo vegetale: fiori e piante




Essicazione : completa in questo caso l"essenza" in quanto trattasi di una tecnica conserviera che consiste nel sotrarre gran parte di liquidi presente nei cibi ma, essicazione anche di piante e fiori che richiedono l'uso privilegiato del calore naturale come il sole mentre per altri "cubi" in questo caso avviene per via artificiale.
Alcune nozioni sull'essicazione e sui vari metodi virimando a questo LINK e vi lascio l'immagine di un essicatore rotativo Tambor preso da Wiki



Emulsione : mescolando energicamente sostante non solubili tra loro una delle quali è il grasso si ottiene un emulsione. Quando viene fatta riposare tende a separarsi nuovamente e per evitare questo problema si usano i stabilizzanti come le uova o la fecola oppure stabilizzanti veri e propri per ottenere cosi salse dense e stabili.
Per non rendere troppo pesante con nozioni quasi scientifiche vi rimando a questo LINK  da dove ho tratto anche l'immagine che vedete di un emulsione acqua e olio e come potrete notare prima è emulsionato poi si è di nuovo separato.


(foto da Wiki)



Come scritto nel precedente mi piace fare le cosa sufficientemente bene e quindi vado piano. La lettera "E" non presenta molto nel glossario  e quindi mi fermo perchè poi la lettera "F" successiva è abbstanza nutrita.
Grazie di avermi letta e buona giornata.



Il link che ragruppa tutto il glossario dalla A alla Z

05/01/16

Involtini di bresaola e coppa con crema philadelphia, erba cipollina su letto di ....

Il secondo antipasto della mia cena di Natale ha dovuto subire una piccola variazione, la crema di cardi purtroppo non li ho trovati, cercavo il "cardo gobbo" molto più tenero e possibile anche usarlo crudo mentre invece quello classico sempre reperibile è troppo filamentoso, legnoso per la mia crema.
La sostituzionea parere dei miei commensali era buonissima, bontà loro :) :)

Ingredienti per 5 persone

15 fette di brasaola tagliata fine
10 fette di coppa tagliata fine
2 confezioni di philadelphia classico
1 pezzo di porro la parte bianca
2 indivia belga
1  radicchio rosso foglia larga
1 melograno
2 cipollotti piccoli 
1 limone
1 lime
2 kiwi
olio - sale - pepe facoltativo
aceto di mele q.b.
prezzemolo poco


Non ho fatto in tempo per la foto :( marito messo in tavola da frigo il tempo di prendere lo smart.era già mangiato a metà...cavalette sono stati :) :) :) Questa foto è stata presa da un ritaglio di Cucina Moderna (credo) dalla quale ho preso l'idea. Era un piatto estivo con anguria, pesche ecc.


Procedimento
Tagliate finemente l'erba cipollina e mescolatela con il philadelphia, un pò di sale ed un goccio di olio e mettete in frigo.
Pulite l'indivia belga ed il radicchio dalle costole più dure quelle esterne salvando il morbido verde e rosso e tagliate tutto molto fine. L'interno ovvero il cuore lo potete usare completo.
Tagliate a metà la melograna e una parte dei grani li lasciate interi e teneteli da parte e gli altri li spremete, lavoro facile, con lo spremiagrumi.
In un robot riducete il porro ed i cipolotti freschi che aggiungerete all'indivia blega e radicchio che avrete tagliato fine fine. 
Spremete un pò di limone, mezzo lime e condite il tutto con un pò d'olio ed il succo della melagrana ed un goccio di aceto di mela. Mescolate, aggiungete un pò di sale e pepe se vi piace ed assaggiate l'insieme deve essere gradevolmente acidulo.
Spalmate la crema di philadelphia su ciascuna fetta di bresaola e coppa, inserite un pezzetto di kiwi che avrete pelato e tagliato a pezzettini sottili  avvolgendo poi come un sigaro.
In un piatto grande da tavola mettete nel centro l'insieme di verdura ed a corona gli involtini ripieni in modo che una parte venga a contatto con il centro condito e poi mettete in frigo.
Prima di servire aggiungete un goccio di evo con una spruzzata di limone solo sugli involtini e cospargete con i grani della melograna che avrete tenuto da parte ed un pò del prezzemolo tritato per una nota di verde.
Ogni commensale si servirà di tre involtini di bresaola e 2 di coppa assieme alle verdure del centro con un pò del sughetto. Ho accompagnato con dei crostini caldi di pane ai cereali tagliati molto sottili.
Il tutto è sparito in un colpo :) :)

Buon appetito e buona giornata.


  • Note affluenti
Le verdure ovvero il letto su cui appoggiare gli involtini potete cambiare a vostro gusto utilizzando anche frutta mista alle verdure. Inoltre anzichè fare dei rotolini potete piegare a metà la fetta diventa a mezzaluna come un raviolo ma dovrete tagliare l'eccedenza per renderli uguali con un coppapasta. 

A mio parere questi insaccati sono perfetti perchè non si disfano in particolare la bresaola che in fondo è carne di manzo o di cavallo e si insaporisce bene senza diventare molle. La coppa è abbastanza compatta e scegliete quella che ha minor venature di grasso.
Chi desidera leggere la ricetta dell'altro antipasto ecco il  LINK

03/01/16

Intermezzo Domenicale !!! .... in vacanza per ricaricarsi .....

Nell'ultimo post domenicale 2015 avevo detto che questa rubrica dopo tanto tempo era forse il caso di mandarla in vacanza per ricaricare le batterie ;) ;) ;) .
Moltissime di voi saltano la domenica per un giusto riposo dopo una settimana caotica tra lavoro, casa, figli, ecc., altre invece si riposano pubblicando le loro ricette domenicali dalle quali traggono un benefico relax :) :) :)
Personalmente alla domenica,  sopra tutto in inverno, mi piace stare sul divano al caldo con il mio plaid a guardare qualche vecchio film dato dalla TV oppure da quelli che ho conservato visto che possiedo ancora un lettore di videocassette.
Se sono sola, mi riguardo i fantasy che a "maritozzo" non piacciono e mi sto rivedendo i vecchi  "Star Wars" in attesa di vedere l'ultimo della serie. Ho in lista anche i video Twilight, Underworld passando per E.T di cui ho il video rimasterizzato, ecc. penso che tra dvd vecchi e nuovi e videocassette di film del passato originali, ne ho oltre 200 (non li ho contati :) )
I fim di " fantasia" come la Storia Infinita, ecc.  come veniva chiamata una volta e che sempre esiste ed i fantasy di oggi una branchia dove il passato e futuro si mescolano mi sono sempre piaciuti.
In queste settimane di gennaio penserò cosa condividere di nuovo perchè mi dispiace non postare qualcosa di non molto impegnativo alla domenica, quindi arrivederci a febbraio.
Se avete qualche suggerimento o richiesta su un qualsiasi argomento che vorreste approfondire ma che forse non avete tempo per cercare, ditemelo che sono pronta ad accontentarvi nel limite del mio possibile.

Stiamo avvicinandoci alla "BEFANA" che tutte le feste porta via ma è l'ultima occasione per alcune regioni d'Italia di fare regali anche se in prevalenza sono per i bambini che appenderanno le famose "calze".
Ho pensato quindi per concludere questo messaggio di anticipare la "Befana" e invitarvi ad andare a vedere la storia che avevo messo nel 2010 QUI , ma il post che mi piace di più anche per i filmati che avevo messo e tutt'ora presenti è il post del 2014 che trovate QUI  da cui estrapolo una foto che avevo fatto io con l'aiuto di ..... ritocchino.



Certo questa presa nel 2013 da Web "Valia la Befana è molto più bella :D :D 

 


Grazie a tutti che mi avete seguito domenica dopo domenica fino a qui e, spero che la "ricarica" porti qualche idea sul tipo di Archimede con la sua lampadina :D :D ma aspetto anche i vostri suggerimenti.

Buona domenica, buon proseguimento nel 2016 un abbraccio virtuale a tutti.
Ciaoooo

02/01/16

Gnocchi ripieni in salsa di radicchio

Auguri ancora di buon anno 2016 

Ogni tanto mi viene voglia di fare gli gnocchi ma questa volta ho voluto cambiare e farli ripieni. Avevo dei bellissimi cespi di radicchio rosso ed ho pensato di utilizzare una parte per un ripieno assieme alla scamorza che avevo  in casa. La farina usata era mista con semola rimacinata che è molto più granulosa rispetto alla solita farina bianca 00 e che si trova anche già pronta mista.
Per il condimento ho pensato di utilizzare il restante radicchio rosso mescolandolo con la panna fresca per creare una crema non troppo liquida e senza coprire il sapore del ripieno degli gnocchi.


Ingredienti per 2 persone abbondanti ( 20 gnocchi grandini)
1 kg di patate
100 g circa di farina mista a semola rimacinata (si trova pronta)
1 uovo
4 cespi di radicchio rosso 

 (questo il tipo di radicchio da me usato preso dal web)

100 gr di scamorza bianca morbida o caciocavallo o provola o altro formaggio filante a piacere 
125 g di panna fresca
2 cucchiaini di brandy oppure un pò di vino bianco
aromi : cipollotti, erba cipollina, pepe,




il piatto in cui i gnocchi sono affogati nella salsa è quello di maritozzo se lui non "naviga" in qualcosa non va bene :D :D :D

Preparazione
Lessate le patate. Io l'ho fatto a vapore nel microonde per evitare che assorbano troppa acqua. 
Sbucciate e schiacciatale come al solito. Sulla spianatoia dopo diventate più tiepide aggiungete l'uovo, impastate e iniziate ad aggiungere la farina fino a quando inizia a prendere corpo e non restarvi attaccato alle mani. Non aggiungetene troppa perchè altrimenti, lo saprete meglio di me, più si lavora e più farina incorpora.
Mentre le patate cuociono pulite due o tre cespi di radicchio rosso a secondo della grandezza, tagliate via il fondo e togliete le costole esterne più dure dalla foglia rossa mentre quelle interne più tenere le potete usare complete. 
Tagliatele grossolosanamente e mettetele in un robot per tritarle sottilissime che poi farete appassire con una noce di burro in una padella antiaderente. Salate e se vi piace pepate.
Tagliate a piccoli pezzetti il formaggio scelto.

Prendete una parte dell'impasto che tirerete in tanti cordoni grossi e poi a pezzi come uso per gli gnocchi che appiattirete e nel centro metterete un po del radicchio ed un pezzetto di formaggio e chiuderete bene in modo che il ripieno non fuoriesca. Passatelo nella farina, ho usato quelle di semola rimacinata perchè più granulosa aderisce e mantiene più asciutto gli gnocchi pronti alla quale ho dato una forma ovale più facile da gestire.

Mettete a bollire dell'acqua leggermente salata e io uso mettere un goccio di olio affinchè non si attacchino tra loro.
Nel frattempo tagliare a listarelle sottile i restanti cespi di radicchio eliminando le parti costolute più dure e fattele appassire in un pò d'olio con gli aromi ed il vino o quello che avete scelto.
Aggiungete la panna fresca, fate amalgamare e poi frullate in modo che diventi cremoso e liscio.

Versate gli gnocchi nell'acqua bollente e calcolate 2-3 minuti di cottura dopo che sono venuti a galla.
Versateli ancora caldi nella padella con il sughetto e poi impiattate subito.
Il dolce dei gnocchi assiee al ripieno contrasta con l'amaro del radicchio della salso creando un sapore molto piacevole.
Come vedete dal mio piatto il sugo abbonda ma sinceramente forse ne ho messo troppo ma a noi piace cosi :D :D :D 

Buon appetito e buon proseguimento per il 2016 e buona  giornata.

  • Note affluenti 
Questo piatto l'ho fatto tempo fa e, preparo foto e post e poi lo metto in attesa. Chissà perchè lo metto all'inizio dell'anno :) :) forse perchè un piatto di gnocchi significa "abbondanza" e come tale è un augurio per l'anno 2016 e ci stà proprio bene.
Quando faccio qualche piatto un pò particolare preparo subito il post, cerco di fare le foto e lo metto in attesa. Ho voluto iniziare l'anno con una ricetta che spero possa piacere....almeno a qualcuno. :k :k


Memento SolonicodiEdvigeDesign byIole