Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)

Un tramonto sul lago Woerther a Klagenfurt (Carinzia)
Foto personale - Giugno 2017

Dove trovarmi

lunedì 25 settembre 2017

Königsberger Klopse alias Polpette di Königsberg

Dopo questa lunghissima pausa ho deciso di "coccolarvi" con delle ricette , spero un pò inusuali, come queste "polpette". La ricetta ritrovata, era di una mia cara collega nativa proprio dalla città di  Königsberger dove questo piatto è quasi nazionale.  L'ho fatto spesso perchè ha un insieme di sapori particolari ed allo stesso tempo sono leggerissime perchè non vengono fritte ma cotte nell'acqua.


In tedesco le polpette hanno svariati nomi: Frikadellen, Hackbällchen, Klopse e poi possono cambiare nome a secondo del tipo di carne usata. Ad esempio di pollo diventa Huhnhackbällchen perchè pollo in tedesco è Huhn.

Ingredienti per 4 persone
1 piccolo panino raffermo del giorno prima
1 cipolla media
2 filetti di alici sott'olio gradi o 4 piccoli
500 g di carne macinata mista manzo, vitello, pollo o anche di un solo tipo
1 uovo medio
1 cucchiaio da te di senape medio piccante
45 g di farina
45 g di burro
100 g di panna  fresca
30 g di capperi quelli sott'aceto
succo di 1/2 limone se grande altrimento tutto
1 cucchiaino da te di zucchero
prezzemolo


Procedimento
Bagnare il pane raffermo con un pò d'acqua non troppa deve ammorbidirsi non spappolarsi. Tagliate molto sottile la cipolla e tagliuzzare bene i filetti di alici. Eliminare l'eccesso di acqua dal panino.
In una ciotola mettere la carne macinata aggiungere il panino strizzato, la cipolla, le alici, l'uovo, la senape, 1 cucchiaio da tè di sale ed uno di pepe.
Con questo impasto ben amalganato formare delle polpette medie, a me sono venute 21 come vedete dall'immagine.


Mettete sul fuoco una pentola con 2 litri di acqua, 1 cucchiano e mezzo di sale e attendete il bollore prima di aggiungere una alla volta le polpette. Attendete che il bollore riprenda e lasciate cuocere per 12 minuti dal bollore  - deve sobbollire ed a fuoco medio. 
Dopo, prelevate le polpette fatele scolare per bene e dell'acqua di cotture salvate 650 ml.
In una padella fate sciogliere il burro ed aggiungete la farina e poi poco alla volta la panna cercando di non formare grumi e poco alla volta l'acqua di cottura delle polpette. Lasciate cuocere per 5 minuti poi aggiungete tritati i capperi, il succo di limone, sale e pepe q.b. e lo zucchero. Testate se non manca nulla e se la salsa vi sembra troppo densa aggiungete ancora dell'acqua di cottura.


Quanto ritenete sapore e consistenza perfette, aggiungete delicatamente le polpette per riscaldarle assieme alla salsa.
Impiattate subito, spargete un pò di prezzemolo tritato e se vi piace ancora qualche cappero e servite.




Ho ragione che sono originali, leggere e facili da fare ????  Provare per credere.
Buon appetito.


NOTA Affluente

Questo piatto usualmente viene accompagnato da patate semplicemente lessate in acqua salata chiamte "Salzkartoffel". Io non sono amante delle patate bollite e quindi ho messo vicino solo un piatto di verdura fresca mista e del pane molto morbido per fare se volete "la scarpetta".

Alle volte il piatto viene accompagnato anche da barbabietole rosse affettate e semplicemente condite con olio e limone (a me piace l'aceto di mele).


PS.
  • Ritengo che la storia di questa citta Königsberger (Capitale della Prussia di allora) oggi  è conosciuta come Kalinengrad ed appartiene alla Russia. Avevo pensato di raccontarla qui prima della ricetta ma il post diventava troppo lungo per leggere prima di arrivare alla ricetta. Quindi vi racconterò con un post la prossima domenica con un collegamento alla ricetta. Spero di avere deciso per il meglio.
Stampa il post

domenica 24 settembre 2017

Intermezzo Domenicale Personale !!! ...... Eccomi, pausa finita e si riprende spero alla grande


Vi ringrazio tantissimo per gli auguri e la comprensione che avete avuto nei miei confronti e  vi posso assicurare che ora, il problema tendini e borsite al braccio (parte bicipite) dovuto alla caduta casalinga e l'incrinatura alla spalla sinistra sono rientrati quasi al 100%.
Il nuoto è stato il mio toccasana anche se,   era doloroso muovere le braccia/spalle ma, il farlo senza mai mollare è stato l'artefice del risultato di oggi.  Non ho fatto altre terapie particolari,  non fanno per me, come anche per le mie  intolleranze, cerco di evitare le  medicine tradizionali cosidette allopatiche.
Sto bene, qualche piccolo doloretto ancora con i cambiamenti di tempo ma, con la ripresa in piscina nel prossimo mese conto che entro l'anno tutto sarà tornato come prima.

Io posso solo consigliare che le persone che hanno subito traumi indipendentemente da come, sempre sotto consiglio medico, il nuoto è la miglior cura. Seguite magari un fisioterapista preposto alla ginnastica rieducativa in piscina se non avete pratica per fare da soli. Io ho alle spalle un esperienza di quasi 50 anni avendo praticato  il nuoto anche a livello sportivo con "gare" non agonistiche e quindi so esattamente cosa devo o non devo fare e quindi mi autogestisco.
Non avevo mai considerato prima dell'accaduto, di quanto noi facciamo uso delle nostre braccia e, non possiamo assolutamente tenerle ferme per non sentire dolori, possiamo solo cercare di utilizzare al meglio ed al minimo del movimento richiesto per provvedere al bisogno quotidiano. Sopratutto al mattino, conseguenza dell'immobilità notturna, mi sentivo come mummificata ed alle volte alzarmi, cercando di non utilizzare le braccia per non sentire dolore, era un impresa immane.
Bene. è passata ed ora eccomi qui.

Ho voluto riprendere con un post domenicale parlando di un "invasione" - e poi leggendo capirete quale - di cui ho avuto esperienza personale e diretta, come si dice: ho toccato con mano !!!

Un invasione "marina" non pericolosa per l'uomo ma rovinosa per l'ecosistema dei nostri mari; si sta cercando con studi a cui partecipa una equipe internazionale, una soluzione perchè il problema purtroppo non è solo del  nostro mare.
Chiedo scusa di questa lungo racconto ma era credo  dovuta anche per rassicurarvi sulla mia ritrovata salute.


Grazie della vostra presenza e Buon Proseguimento nel 2017  e Auguri a tutti.



PS. A domani con una ricetta :D :D 


Stampa il post

sabato 8 luglio 2017

" ARRIVEDERCI a SETTEMBRE "

Carissimi amici.
Vi avevo detto che dopo 8 anni è la prima volta che questo BLOG va a riposo e per le stesse ragioni la PAUSA proseguirà fino a settembre.
Avevo sperato ed ho atteso fino ad oggi, di poter riprendere dopo questo mese di pausa ma, anche se il problema dell'occhio postumo all'intervento di cataratta è guarito, l'altro ( conseguente alla caduta ) purtroppo le spalle e braccia che anche se migliorate, i dolori e le difficoltà di certi movimenti sono tutt'ora presenti.
L'angolazione che richiede lo scrivere dopo 10 minuti diventa una tortura, alzarmi da posizioni basse maritozzo mi deve aiutare non riesco ad appoggiarmi alle mani per sollevarmi. Anche dal letto è una sofferenza e, i dolori alle spalle ha infiammato anche la cervicale con conseguenti giramenti di testa.
Molti blog in questo periodo si fermano per le giuste vacanze ed io per necessità e per fortuna non ho impegni per collaborazioni o altro da mantenere.
Devo anche tenere conto che la mia postazione è in mansarda  estremamente bollente in estate e ciò non mi farebbe bene data la situazione.
Posso dire che il problema non è per l'età anche se, certi traumi su basi già poco stabili, il recupero è piu lento proprio per il mio essere vintage. Certo, dovrei stare più ferma ma non ci riesco mi dovrebbero legare :D :D
Vi seguirò comunque non a pieno ritmo con lo smartphone molto più facile da gestire e scrivere sui vostri blog come su IG e Face.
Molte amiche con le quali abbiamo instaurato un rapporto bellissimo, mi hanno assicurata che non sarò dimenticata ma, non mi aspetto nulla lascio tutto come si dice al "fato" ma in cuore mio sono certa che quando riprenderò sarete tutti qui :k :k


Vi saluto lasciandovi alcune immagini personali fatte al campeggio in giugno e nello stesso tempo vi auguro una bellissima ESTATE, delle belle VACANZE e fate solo PIATTI FREDDI il forno lasciatelo all'inverno :D D





Un coppia di cigni reali, a sinistra 7 piccoli poi da grandi a destra sono rimasti 4 allo stabilimento sul lago in mezzo ai bagnanti nessuno li disturba o hanno paura reciproca... basta non disturbarli.


Un tramono sul lago Woerther


Il passaggio dal prato al lago di mamma anitra-germano reale ed i suoi piccoli. Tutti fermi, hanno precedenza passano LORO :D









Due dei tantissimi scaffali a parete di tutti i tipi di insaccati grandi - piccoli - di tutto e di più

L'angolo degli scaffali e ci sono insaccati anche nelle vasche davanti una quantità qualità e scelta pazzesca, io non ho preso niente.

La tromba da lago che ha spezzato una parte dell'albero precepitando sul camper, noi eravano un pò più in la... andata bene






















La coppia anitre-germani reali in visita al loro ristorante, a sinistra il maschio che fa la guardia mentre la femmina prende solo dalla mano  :D - mattina, pranzo, merenda, cena e alle volte spuntino notturno alle 21.30 battendo con il becco sulla tenda :D :D


Il tempo del nostro viaggio di ritorno, 4 ore di diluvio universale incluso un ora di grandine e visibilità 20 metri andando a 40 all'ora, dentro e fuori dai diluvi da Treviso a Palmanona direzione Trieste - è stato un incubo anche per il vento forte considerando la roulotte/caravan a rimorchio che il vento rendeva instabile :( ci siamo riusciti :D :D



Buona fine settimana, un abbraccio a tutti e arrivederci a 



Stampa il post