Lungo le Rive le barche a vela nella "Sacchetta"

Lungo le Rive le barche a vela nella "Sacchetta"
Società Canottieri per diporto e scuola di vela, canoa ecc. sono Club privati aperti anche a feste, compleanni, matrimoni, lauree basta prenotare.Foto personale

domenica 28 agosto 2016

Intermezzo Domenicale !!! ...il mio rientro con l' Arcipelago delle isole Ponziane nel Mar Tirreno : "VENTOTENE" e Santo Stefano

AMICI, sono tornata :D :D :D e spero non vi siate dimenticate di me.

Ho iniziato la pausa del blog per "stanchezza" dovuta a tutti i problemi iniziati proprio con l'inizio delle vacanza in campeggio a Klagenfurt e proseguiti poi una volta a casa per tutti questi mesi: il tendine d'Achille purtroppo sfilacciandosi quasi completamente,  per la ripresa ha un decorso lungo ed anche se ora va benino si deve ancora stare molto attenti a non incorrere in nuovi strappi: parliamo di maritozzo è lui che ha avuto il problema :( purtroppo.

Diciamo che mi sono riposata abbastanza, ho cercato di sopravvivere al caldo ed in mansarda ci sono stata veramente poco.L'amico venuto a trovarlo come sostegno :D :D ha comportato il mio impegno ulteriore per la cucina ( per noi due avrei fatto solo insalatte e affettati :D :D ) e meno male che era solo per cena. Ho cercato di fare di tutto evitando in modo strategico il forno e limitando la cottura anche sul fuoco tradizionale.

Ho voglia di ricominciare, ho preparato con il pc portatile lavorando sul terrazzo molte ricette di quelle fatte in questo periodo che a detta dell'ospite erano tutti piatti molto buoni.
Quindi mi sono detta, perchè non ricominciare come ho finito dall' "Intermezzo domenicale" ed eccomi qui. Ero molto indecisa su cosa proporre ma poi l'attualità questa volta mi è venuta in aiuto e quindi parlerò di un isola bellissima molto conosciuta ma ora è emersa ancor di più grazie all'incontro dei TRE  - dicono - per proporre le linee al "Rilancio dell'Europa" dopo l'uscita del Regno Unito dalla CEE.

Parliamo quindi di Ventotene.
Ventotene è un comune italiano di 737 abitanto della provincia di Latina il più meridionale comune del Lazio. Appartiene come l'isola minore di Santos Stefano all'arcipelago delle isole Ponziane nel Mar Tirreno. Ha una superficie di 1,54 km e quindi è anche il più piccolo comune dell'Italia centrale. La sua conformazione è tufacea ed il suo clima è mite di tipo subtropicale con inverni molto miti e piovosi ma con pochissie escursioni termiche nella giornata ed estati calde si ma ventilate.
Pandataria o Pandaria com la chiamavano i greci prima che diventasse una colonia romane e dove per vari motivi venivano confinati membri della famiglia imperiale e la più famosa era GIULIA figlia unica di Augusto. Altri nomi illustri Agrippina Maggiore, Giulia Livilla, ecc. tutte per motivi diversi.
 Fu per ordine di Ferdinando IV di Borbone su progetto dell'architteto Francesco Carpi che nel 1795 fu costruito il carcere sul vicino isolotto di Santo Stefano e la colonia penale continuò ad essere attiva con la costituzione del Regno d'Italia fino alla sua soppressione nel 1965.
E' nota anche per il famoso Manifesto di Ventote (Per un Europa libera e Unita).

Molti furono i confinati illustri italiani tra i quali l'ex Presidente della Repubblica Sandro Pertini, Umberto Terracini, Giorgio Amendola ecc. ecc.

Ci sono ancora tantissime informazioni che però allungherebbe troppo il post e quindi vi rimando alla
pagina  di WIKI   e da QUI  ove informano anche che l'isola è famosa per le immersioni a Punta Pascone, Secca dell'Archetto e Punta dell'Arco oltre al relitto del Santa Lucia affondato nel 1943 ch si trova sul fondale tra 39 a 43 metri di profondità.



Porto Romano 
Porto Romano

l'isola di Santo Stefano sullo sfondo 
L'isola di Santo Stefano sul fondo


Spiaggia di Cala Nave
Spiaggia di Cala Nave  

Le suindicate immagini sono state tratte da WIKI mentre queste successive prese da Google immagini.

Locale


Porto Romano...i pescatori


Vi auguro una bellissima domenica di fine agosto ed io mi auguro che il settembre sia bellissimo, meno caldo ma ancora con tanto sole anche per tutti quelli che andranno in vacanza in questo mese. Io adoro questo mese e spero di fare ancora tantissimi bagni di mare visto che in 30 minuti sono già sul punto "TUFFO".

Un abbraccio e stay tuned arrivano ricette :D :D :D 


Stampa il post

domenica 31 luglio 2016

Intermezzo domenicale !!!! ...qualche notizia e veduta degli stabilimenti balneari di Trieste...e comunicazione

Lunga la costa triestina nel suo Golfo ci sono parecchi stabilimenti balneari alcuni rimasti da tempo gli stessi altri rinnovati e qualcuno anche sparito. A Trieste città ci sono due stabilimenti uno privato "Ausonia" ed uno comunale "La Lanterna alias Pedocin" raggiungibili con i mezzi pubblici in poco più di mezz'ora,  tempo determinato dal traffico cittadino essendo un bus di linea.
Altri sempre serviti dai mezzi pubblici come bus di linea extraurbana ma anche da corriere che si fermano in questi stabilimenti prima di proseguire per destinazioni più lontane (Grado, Monfalcone ecc.) e che si estendono lungo la Costiera Triestina (link Wiki) dalla quale ho estratto questa foto di un tratto della stessa ......

tratto della Costiera

... al "Lungomare di Barcola" dove ci sono i famosi bagni pubblici "Topolini"  (Link Wiki)dalla quale ho estrapolato la sottostante foto deserta in quanto è una foto quasi invernale.
A questo proposito vi metto un link che si riferisce ad un mio post ove documentavo anche con video questa parte del lungomare chiamato ...di Barcola, che trovate   QUI.
Ho controllato e sembra che i filmati funzionino ancora nonostante il post sia di 4 anni fa se invece qualcosa non va scusatemi :(  :(


I topolini sul lungomare di Barcola

Ci sono poi più avanti uscendo dal tratto propiamente cittadino/urbano diretti al Castello di Miramare lo stabilimento vicino prima di arrivarci è molto vecchio anche se ristrutturato conosciuto come al Bivio alias da Sticco  (link e meravigliose foto) che è nome del fondatore di questo meraviglioso stabilimento e che si trova nello specchio acqueo su cui si affaccia l'Area Marina Protetta 

 la foto Bagno Sticco e con  tante altre le trovate a questo LINK


Poi proseguendo ed uscendo dall'ambito Trieste si entra nelle sue piccole province e la prima che incontriamo è Grignano ed i due stabilimenti alla quale i Triestini hanno dato il nome di Grignano 1 e 2 in quanto sono indipendenti anche se vicini l'uno all'altro. Questa la foto di Grignano 1 alias Sirena che gode anche di una grandissimi piscina.

 foto del Sirena preso da questo LINK

Proseguento si va in una bellissima baia quella di Duino-Aurisina allo Stabilimento Le Ginestre che ovviamente come i precedenti essendo fuori città per raggiungergeli ci vuole un pò di tempo se usati i mezzi extraurbani un pò meno se si usa il proprio mezzo però trovare posteggio è veramente un impresa ardua. Negli stabilimenti extraurbani i bagnanti ci vanno principalnente a fine settimana e rimangono tutto il giorno o altri liberi fanno un abbonamento settimanale. Posteggi dello stabilimento quando presenti ed l'entrata non sono proprio a buon mercato e se si necessita anche della brandina (si possono portare le proprie) e l'ombrellone il costo aumenta.  Io, andando allo stabilimento Ausonia con i mezzi urbani e con la mia brandina, il costo comunque d'entrata è  meno della metà degli altri e quindi più di 3 ore non rimango specialmente in agosto : ore di mattino presto entro le 9 e via alle 11 prima del super caldo.


Le Ginestre - foto tratta da questo LINK ove troverete altre bellissime immagini

Proseguiamo verso uno degli ultimi nella Baia di Sistiana sempre Trieste provincia alla stabilimento di Castelreggio ex Caravella che rispetto agli altri l'ingresso è gratuito. Si paga l'utilizzo del posteggio, le brandine e parasole ed ovviamente altri consumo al bar ben fornito, si può anche pranzare a costi contenuti e molto bene tutto molto curato e la spiaggia è grande.

Castelreggio - foto tratta da questo LINK con altre immagini splendide


Una piccola carrelata degli stabilimenti del Golfo di Trieste ed entro la sua provincia, poi è Grado che è già provincia di Monfalcone. Io spero di invogliare qualcuno a fare una bella vacanza o almeno passare a vedere il Golfo, le baie, ecc.il cui specchio d'acqua nulla ha da invidiare a certe mete esotiche e se pensate che sono tutte a portata di mano e ogni giorno. Certo voi direte che è facile per chi vive in una città di mare ma, credetemi, non tutte le città di mare hanno questa possibilità e se poi pensate che si può pranzare a circa 270 mt s.l.m. e prendere fresco continuando con la bella vista sul golfo, in qualche trattoria pergolata sul carso triestino è il massimo. :D

Vi auguro una buona domenica e buone vacanze a chi parte.

NOTE Affluenti

Avrete notato che in questo periodo non sono cosi presente nel mio blog come pure anche nei vostri ma sinceramente comincio a risentire sia del caldo che dei due mesi e non ancora finiti sulla difficoltà motoria del piede dopo la quasi rottura del tendine di Achille di maritozzo. Sarà una cosa penso ancora lunga ed il caldo in questo caso non aiuta. A questo punto mio malgrado ...... devo mettere il ....



Inoltre devo anche inventare manicaretti per l'amico di sempre che è venuto a sostegno di "maritozzo" e quindi devo "cucinare" ma non parliamo di forno :( :( . Certo si andrà mangiare anche fuori ma credetemi. sul mio terrazzo al 7 piano e  di fronte all'altopiano carsico viene giù un arietta fresca alla sera impagabile...ma non lo dite a nessuno :) :) (meglio dell'aria condizionata)
Per questo motivo di ricette ne avrò parecchie da condividere devo metterle a posto ed avere la mente fresca per farlo.
Cercherò di passare da voi ma non prometto costanza :( :(
Grazie della vostra comprensione, non scordatevi di me perchè io non vi posso dimenticare.
Fate buone vacanze, riposatevi perchè tutti ne abbiamo bisogno e diritto all'agognato ristoro e riposo estivo : lo sogniamo tutto l'inverno :k :k



Stampa il post

mercoledì 27 luglio 2016

Il Salisburghese - Salzburg" ed il loro dolce nazionale "Salzburger Nockerln"

Quest'anno dopo 3 anni di assenza avremmo voluto passare alcuni giorni a Saliburgo considerando che da Klagenfurt - Carinzia non è proprio tantissimo distante. Purtroppo come avrete letto nulla è stato possibile e anche se in fondo le mie non sono state vacanze mi dispiace che la causa sia stata dolorosa come lo strappo quasi totale del tendine di Achille di maritozzo. :(
Come vi avevo scritto, il caldo mi fa rallentare le mie condivisioni perchè la mia postazione con tutto quello che mi serve come foto, annotazioni di ricette, stampati, programmi ecc. sono in mansarda quella che in estate è peggio di un forno viaggia secondo me sui 1000 gradi almeno come sensazione.
Leggendo ultimamente da amiche che hanno intrapreso dei viaggi le cui destinazioni mi sono molto note e quindi spulciando tra i miei viaggi ho trovato proprio questo di Salisburgo condiviso  di 3 anni fa con foto e informazioni del precedente viaggio fatto 10 anni prima.
Mi scuserete se uso un semplice copia/incolla ma trovo che anche rifarlo non va bene perchè in quella condivisione esprimo anche i miei stati d'animo nel visitarla Poi c'è anche la ricetta del loro piatto nazionale.
Spero che mi perdonerete ma forse qualcuno di voi verrà voglia di visitarla e vi posso assicurare che è molto bella e poi è la città di MOZART e dei suoi meraviglio cioccolatini Mozart Kugeln. :D :D 

 


Salisburgo è capitale dell'omonimo Stato Federale conosciuto in italiano come "Salisburghese", città dell'Austria Centro-Settentrionale a 300 km a ovest di Vienna.
E' una città magnifica ed io ci sono stata 10 anni fa e spero tanto di ritornare quest'anno.
Allora era il  1993 non c'erano le favolose macchine digitali di oggi e quindi le foto stampate normalmente   per postarle qui le ho dovuto scanarizzarle ed il risultato non è dei migliori.
Il fiume che l'attraversa è il Salzach e la città di Salisburgo è costruita nell'avallamento di due piccoli monti quali il  Kapuzinerberg e il Mönchsberg.  Sul quest'ultimo è stata costruita un imponente fortezza il Hohensalzburg inespugnabile ove si rifugiavano i vescovi in momenti di pericolo ma ora vi si accede attraverso una funicolare e poi con  un ascensore si arriva al piazzale interno ed al ristorante/bar da dove si gusta una vista panomarica stupefacente di tutta la vallata.
Non bisogna però dimenticare che Salisburgo ha dato i natali a Wolfgang Amedeus Mozart, piazze- vie- monumenti lo ricordano costantemente al turista, come le manifestazioni musicali che vengono fatte nel suo ricordo. Salisburgo è anche Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO
Altre informazioni le trovate come al solito su  WIKI

Ora un pò di foto....


 Panorama in fondo la fortezza
(se cliccate sulla foto la vedrete grande)
La prima foto.. vedete la mia mano protesa verso la scimmia non ricordo la razza molto educata pero...... e la seconda è uno dei tanti ponti che attraversano il fiume Salzach ma la caratteristica di questo ponte è che attraversandolo  lo senti muoversi... da una certa impressione ed è il ponte più vecchio. Più gente passa contemporaneamente e più lo senti muoversi.
(se cliccate sulle foto le vedrete grandi)

Un panorama fatto dalla Fortezza e si vede il fiume e una parte degli altri ponti che l'attraversano (se cliccate sulla foto la vedrete grande)


Come detto io sono quasi sicura che quest'anno in giugno avrò occasione di ritornarci. Spero che il tempo sia bello perchè una nota dolente nel Salisburghese è la pioggia. Chissà perchè sopra tutto a Salisburgo piove spessissimo e ogni volta che volevo andarci nell'arco di questi anni telefonando all'albergo mi dicevano...piove e fa freddo e parliano di maggio-giugno.  Ma questa volta tempo o non tempo buono io ci vado.
Questo dolce "Salzburger Nockerl" è il dolce nazionale del salisburghese e si può definire più un "soufflè" che un "gnocco".
La ricetta che vi passo l'ho avuta da un amica austriaca proprio di Salisburgo conosciuta in campeggio in Austria.
Ingredienti per 4-6 persone
6 chiare d'uova (niente tuorli)
40 gr di zucchero
1 presa di sale
4 tuorli (niente chiara)
3 cucchiai di farina
burro quanto necessario per ungere la tortiera da forno
zucchero in polvere per guarnire
marmellata di mirtilli (facoltativo poi potete usare questa o altra a piacere o anche nulla)
spero che i passaggi si capiscano sono vecchie foto normali scanarizzate

Preparazione
Riscaldare il forno a 180-200° dipende se ventilato o normale e preparare la teglia ungendola con il burro. Nel frattempo che il forno si riscalda, sbattere in una terrina le chiare d'uovo assieme allo zucchero e la presa di sale deve diventare una lucida crema come neve.
Poi aggiungere i tuorli e incorporarli delicatamente dal basso verso l'alto. 
Aggiungere la farina meglio se setacciata ed incorporarla sempre molto delicatamente sollevando il tutto fino ad amalgamazione completa  in modo che incorpori  aria.
Sul fondo della tortiera mettere la marmellata di mirtilli (se l'avete scelta) .
Poi dividere l'impasto in tre masse aiutandovi con una carta da dolci, deve assumere la forma di una "quenelle" ovvero ovale fine alle estremità e più grossa nel centro e farle scivolare una alla volta delicamente nella tortiera...una vicino all'altra.
Infornare a metà altezza e lasciarli cuocere per 18-20 minuti.
Togliere dal forno, cospargere lo zucchero a velo e servire immediatamente altrimenti si sgonfiano.
Infatti questi che loro chiamano "gnocchi" devono risultare ancora molto cremosi all'interno.
Vi posto qui l'immagine finita del dolce tratta da WIKI dove potrete tarre ulteriori informazioni su questo dolce

PS. Piccola aggiunta....
Per rendere l'idea di come viene posta nella teglia per diventare come la foto, ho trovato un video nella quale si vede chiaramente ovviamente le proporzioni degli ingredienti sono diverse ma tutto rende l'idea al meglio delle mie spiegazioni nella preparazione. Grazie a Azzura che con la sua domanda mi ha dato l'idea del video

Vi auguro una bellissima giornata.
Ciaoo a tutti


PS.PS.
Sono riuscita a rivederla nonostante il tempo non buono e le foto non sono venute bene e quindi queste sono al momento le uniche. Salisburgo mi è rimasta nel mio cuore, e spero di rivederla quanto prima con delle foto questa volta  bellissime.


NOTA Affluente
Se qualcuno vuole fare questo dolce me lo faccia sapere se è piaciuto.

Stampa il post